Sterlina, minimi da 18 mesi contro dollaro. Euro stabile in attesa del meeting BCE

Pound sotto pressione. Pesa il rinvio del Premier Theresa May del voto in parlamento sull'accordo per la Brexit. Attese le parole del Primo Ministro (ore 16:30 odierne). La divisa inglese perde poco meno del punto percentuale contro USD (che si stabilizza dopo il cambio di marcia sulla politica Fed) ed EUR (che attende giovedì il meeting BCE).

UK Pound
Fonte Bloomberg

Sterlina sui minimi da giugno 2017 contro dollaro, al di sotto della resistenza in area 1,27. Debolezza anche nei confronti della moneta unica, rispetto alla quale il pound lascia sul mercato circa un punto percentuale. Il cambio EUR/GBP ha superato nel pomeriggio la soglia di 0,90.

La divisa inglese ha accelerato la propria perdita dopo l’annuncio del primo ministro, Theresa May, di un posticipo del voto parlamentare sull’accordo di uscita del Regno Unito dall’Ue, previsto per domani.

La premier sarà invece protagonista alle 16:30 di oggi (3:30 pm a Londra) di una discussione verbale, dal titolo “Uscita dall’Unione europea”.

Tra i principali protagonisti del mercato forex, il dollaro si è stabilizzato dopo la debolezza della scorsa settimana, successiva al cambio di marcia della Federal Reserve, che ha paventato l’idea di un approccio “wait and see” per il prossimo anno, a seconda delle variabili economiche in gioco. Rispetto alle stime iniziali, attualmente lo scenario più quotato prevede nel 2019 un solo aumento certo dei tassi, da valutare in corso d’opera. Già scontato dal mercato è invece il rialzo del costo del denaro nella riunione del 18-19 dicembre, probabile oltre l’80%.

In attesa di Jerome Powell e delle decisioni sulla politica monetaria della Fed, l'attenzione di questa settimana si concentra su giovedì, con lo speech del Governatore europeo, Mario Draghi, che potrebbe far trapelare l’idea di un nuovo piano di sostegno liquido al mercato. Nel caso di specie, tra le opzioni dell’Eurotower vi è la possibilità di attuare un nuovo piano Tltro.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.