Rally del Bitcoin sopra 5000 dollari. Mercati cauti sull'ottimismo delle criptovalute

Bitcoin al test dei 5000 dollari, sui massimi da novembre 2018. Litecoin al top da sette mesi. Giappone più vicino all'utilizzo di cripto valute per il saldo dei pagamenti interni. Mercati pronti a picchi di volatilità.

Bitcoin Fonte: Bloomberg

Spinta a rialzo per il bitcoin, che torna a testare area 5.000 dollari, sui massimi da metà novembre 2018. La più grossa delle criptovalute al mondo è arrivata a toccare un rialzo del 23% nella notte, ridimensionandosi poi a +13% poco sopra 4.600 dollari. Cos’ha mosso la divisa digitale?

Prezzo del bitcoin in volata: la reazione del mercato

I mercati finanziari si sono ormai abituati ai picchi di volatilità del bitcoin (gli stessi che l’hanno portato a perdere il 74% del proprio valore lo scorso anno), la cui penetrazione resta ancora residuale rispetto ai volumi delle principali divise reali. La perdita di potere d’acquisto che ha allontanato la cripto dai massimi a $20.000 (dicembre 2017) ha diffuso il pensiero che una moneta meno cara possa esser più facilmente essere utilizzata e sfruttata per operazioni di scambio e pagamento.

Oltre al bitcoin, a reagire positivamente all'euforia di mercato è stata un'altra cripto, il litecoin, tornato sui massimi del 5 settembre 2018 (+13% circa), a ridosso della resistenza a 68,80 dollari. Meno netti i movimenti di ether e ripple, ambedue sui massimi da un mese.

Giappone più vicino all'utilizzo di criptovalute

Si inserisce in questo quadro l’indiscrezione dal Giappone che avrebbe aperto all’idea di una più ampia adozione delle monete digitali per regolare gli scambi interni alla regione. La più grande compagnia ferroviaria giapponese, JR East, potrebbe supportare un sistema di pagamento crittografato tramite la tessera Suica (circa 70 milioni in circolazione in Giappone).

Anche il gigante dell'e-commerce Rakuten, soprannominato l’Amazon giapponese, dovrebbe lanciare Rakuten Wallet, un portafoglio online che supporterà l'uso delle valute digitali.

Stati Uniti: lavori alla normativa sulla crittografia

Non sono da meno gli Stati Uniti, che ormai da qualche tempo si stanno attrezzando per sviluppare la normativa sulla crittografia. La Securities and Exchange Commission (SEC), la Consob statunitense, starebbe cercando un consulente legale specializzato in cripto per presentare "un piano completo per la gestione dei titoli patrimoniali e digitali". La persona lavorerà presso la divisione di trading e mercati.

Jeremy Allaire, Chief Executive Officer del comparto criptata per Goldman Sachs, ha affermato che il più grande ostacolo normativo nello spazio crittografico è stato il mancato rispetto, a tempo debito, delle regole vigenti sul mercato, che hanno valicato il confine, oltre che della liceità, anche della fiducia.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.