Euro a rialzo sulle mosse del Giappone. Debolezza sul dollaro

Mitsubishi UFJ Financial Group rileva divisione DZ Bank dalla Germania e mira a nuovi asset managers. Business proiettato all'estero alla ricerca di rendimento. Debolezza sul dollaro dopo i buoni dati sui prezzi alla produzione.

Euro dollaro Fonte: Bloomberg

Euro sui massimi da tre settimane contro lo yen giapponese (+0,4%), sui rumors di un possibile nuovo piano di acquisizione nipponico. A portare all’apprezzamento della moneta unica contro il paniere delle principali divise mondiali è stata la notizia di ulteriori acquisizioni al di là dell’oceano da parte del più grosso istituto di credito del paese, Mitsubishi UFJ Financial Group, simili a quelle dello scorso mese, quando MUFG ha rilevato il business DZ Bank dalla Germania (a giugno dello scorso anno valeva attorno ai 5,6 miliardi di euro).

Mitsubishi UFJ Financial Group: i progetti del gruppo

Secondo quanto riportato da alcune anticipazioni di stampa, il gruppo nipponico sarebbe alla ricerca di nuove opportunità per rilevare Asset Managers mondiali, dopo il deal dello scorso anno da 2,9 miliardi di dollari per la divisione AM di Commonwealth Bank of Australia, ampliando così la propria base operativa in un’ottica di crescita del prestito interno.

"Due anni fa avevamo in programma di spendere circa 1 trilione di yen ($9 miliardi), ma non siamo ancora arrivati a quella cifra", ha riferito il neo amministratore delegato sessantaduenna, Kanetsugu Mike.

Oltre ad essere il player più attivo sul fronte delle acquisizioni estere, MUFG ha improntato la propria strategia sulla diversificazione del business, prevedendo di penetrare sempre più il mercato dell'Asia sudorientale. La necessita del colosso bancario nasce dalla ricerca di rendimento, in una nazione che ha un livello di tassi di interesse ai minimi.

EUR in forze, cala USD dopo dati positivi

Pressato da un euro più forte, tornato a testare contro il biglietto verde la soglia di 1,1295, l'indice del dollaro è sceso nella notte dello 0,2%, cedendo il grosso dei guadagni ottenuti nella giornata di giovedì, dopo la pubblicazione dei prezzi alla produzione a stelle e strisce nel mese di marzo, superiori alle aspettative ed in crescita dello 0,6%, il maggior incremento da ottobre. Ad aumentare contestualmente è stato anche il rendimento dei Treasury a 10 anni, sostenuto dalla positività di un mercato del lavoro Usa ancora in forze, che la settimana scorsa ha evidenziato un livello di richieste di sussidi di disoccupazione scesi ad un minimo da quasi un anno settimane. L'avanzata del biglietto verde, tuttavia, si è arrestata prima della soglia di 112,00 yen.

L’apprezzamento della moneta unica giunge inoltre in una settimana calda per i mercati europei ove, fatta salva la Brexit, i dati positivi sulla produzione industriale francese ed italiana hanno rincuorato gli investitori.

Questa settimana sia la Francia che l'Italia hanno riportato una produzione industriale superiore alle attese a febbraio, offrendo segnali positivi per il blocco dopo alcuni dati negativi.

L moneta americana resta ora al centro della scena: se da un lato il miglioramento dei dati macro potrebbe riportare a zero l’eventualità di un taglio dei tassi entro la fine del 2019, dall’altro lo slancio del dollaro non è stato così forte da convincere gli operatori, che temono ulteriori pressioni, nonché periodi di elevata volatilità.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.