EUR/USD o EUR/GBP? Fattori in esame ed incognite sul mercato del forex

Crescita economica, guerra commerciale, Brexit: tre tasselli che muovono il mercato dei cambi. EUR/USD, EUR/GBP: movimenti marginali.

EUR/USD EUR/GBP Fonte: Bloomberg

Euro neutrale contro dollaro e in marginale rialzo contro sterlina, in un periodo contrastato per le principali economie ad occidente, alle prese con un rallentamento generalizzato della crescita e con questioni commerciali complicate a livello di rapporti Paese su Paese All'orizzonte, l’incognita politica ed il rischio Brexit.

Analisi EUR/USD: fattore Fed

Dopo un 2018 caratterizzato dalla forza del biglietto verde (tra la metà di aprile e la metà di agosto il cambio EUR/USD è arrivato a perdere circa il 9%), la moneta unica ha avviato il 2019 in ribasso marginale, aprendo l’anno in area 1,1460 e muovendosi ora a poco al di sotto di 1,1300 dollari (area 1,1280). Sul finire di maggio la coppia ha toccato un minimo a due anni a 1,1100.

Con il peggioramento della guerra commerciale e la posizione dura presa dagli Stati Uniti contro alcune delle principali economie al mondo (Cina in primis, ma anche Australia, India ed Europa), la Federal Reserve ha modificato la propria politica monetaria, ritrattando rispetto al pregetto di un duplice rialzo dei tassi nel corso del 2019 e propendendo sempre per un taglio del costo del denaro (la possibilità di intervento sui tassi entro luglio è passata dal 50% al 70%).

In un contesto così definito, il dollaro potrebbe perdere una parte della forza che ne ha caratterizzato il corso nel corso degli ultimi 18 mesi. Il superamento deciso della soglia a 1,1300 potrebbe dare sostegno al cambio, che paventerebbe una salita fino a quota 1,1450.

Analisi EUR/GBP: incognita Brexit

Nonostante la poca convinzione dell’euro, preoccupato circa il futuro economico e politico di una Unione disomogenea, il cambio EUR/GBP ha registrato un deciso rally da inizio maggio ad ora, recuperando contro la sterlina poco meno del 5%. Dopo un avvio d’anno all’insegna dei rialzi per il pound, la divisa inglese ha dovuto fare i conti col peggioramento della situazione sulla Brexit, posticipata al 31 ottobre 2019 (rispetto al 31 marzo inizialmente fissato) e al momento senza una chiara guida.

Dopo l’uscita di scena di Theresa May, il partito dei Tory, uscito pesantemente diviso e indebolito dalle vicende degli ultimi mesi, è ora impegnato nella ricerca di un successore alla guida della fazione. Dei dieci candidati in lizza per il posto, il candidato vincitore dovrebbe esser annunciato il prossimo lunedì 24 giugno (dopo il voto che interpellerà circa 10.00 persone del partito). Tra i nomi in pole position nei sondaggi compare quello di Boris Johnson, il quale ha già annunciato di essere pronto a fare il possibile per dare alla Corona l’uscita che merita entro il 31 ottobre, con o senza accordo.

Qualora la coppia bucasse a ribasso il livello a 0,8900, un primo target si fisserebbe a 0,8880, pari al 61,8% del ritracciamento di Fibonacci sul movimento registrato tra gennaio e inizio maggio 2019. Livelli successivi si troverebbero quindi a 0,8850, 0,8825 e 0,8800,.

In caso di un’inversione del cambio, la coppia EUR/GBP dovrebbe anzitutto mirare a superare stabilmente quota 0,8915, mirando dunque a raggiungere 0,8935 prima e 0,8970 poi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.