Dilaga la protesta: cos’è il franco Cfa? Focus sulla valuta africana

Scontro politico Italia-Francia sul franco della Comunità finanziaria africana (Cfa), moneta unica circolante in 14 nazioni emergenti africane (ex colonie francesi) che sconta tutti i pro e i contro dell'avere una divisa comune.

Franco CFA Moneta Euro Camerun Africa Senegal

Può una moneta unica bloccare lo sviluppo di un Paese? La domanda, più che necessitare di una risposta dicotomica, ha bisogno di una fondamentale precisazione: ogni divisa unica, a prescindere dal nome e dall’area geografica, crea benefici che si legano alla rete di protezione che l’unione monetaria crea, scontando però le medesime problematiche legate soprattutto alla rigidità del cambio e all’impossibilità di adeguare la forza della divisa alle determinanti economiche (tra cui il prezzo delle materie prime). Che cos’è il franco Cfa di cui molto si è parlato in questi giorni?

Che cos'è il franco Cfa e chi utilizza tale moneta unica

Il franco della Comunità finanziaria africana (Cfa) è la moneta unica messa a disposizione dalla Francia per alcune nazioni emergenti (14 Paesi in tutto, ex colonie francesi), col fine di garantire una base di stabilità finanziaria grazie alla gratuità dei trasferimenti di denaro effettuati all’interno del medesimo sistema di cambio. Tale sistema permette di evitare eccessive svalutazioni e tenere sotto controllo il livello d’inflazione (ad elevato rischio innalzamento), rendendo i mercati più competitivi in termini di scambio coi paesi limitrofi.

Esistono due tipi di franco Cfa: uno, utilizzato dalle regioni dell’Africa occidentale (tra cui Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo), a formare Unione economica e monetaria ovest-africana (UEMOA) ; uno, in circolazione nell’Africa centrale (Camerun, Ciad, Congo-Brazzaville, Gabon, Guinea Equatoriale e Repubblica Centrafricana), riunita sotto il nome di Comunità economica e monetaria dell'Africa centrale (CEMAC).

La discussione politica sul franco Cfa tornata in auge negli scorsi giorni non è nuova: da tempo ci si interroga su quali effetti collaterali possano essere collegati alla dipendenza di tali economie da un’unica moneta emessa dalla Francia e se possano essere ricondotte a questa talune delle più delicate questioni internazionali, quali immigrazione ed il sottosviluppo locale.

L'Africa in dati: un'economia fortemente disomogenea

Anzitutto, è bene guardare ai dati e ad un’economia, quella africana, che con o senza moneta unica resta fortemente disomogenea.

Con uno sguardo all’economia dei 14 Paesi uniti dal franco Cfa, le prime regioni per variazione di Pil anno su anno sono Benin e Burkina Faso, entrambi con un +6,8%. La peggiore, la Guinea equatoriale, con un -2,5% YoY.

Relativamente al Pil pro-capite, la prima posizione è occupata dalla Costa d’Avorio, seguita dal Burkina Faso e dal Senegal. Senegal e Costa d’Avorio figurano inoltre tra i 10 mercati più promettenti secondo l’Africa Investment Index. Congo, Ciad, Gabon e Camerun riversano invece in uno stato di stagnazione o quasi.

In termini di tassi di interesse, la nazione col costo del denaro più alto è il Senegal (con un 4,5%, ben inferiore rispetto ai livelli del 16-17% mostrati da altri stati africani, quali Ghana, Egitto, Angola e Malawi). Il Gabon è invece tra i 14 il peggiore per disoccupazione (al 19,6%) e per rapporto debito/pil (superiore al 66%), ma tra i migliori per livelli di esportazioni (assieme al Senegal).

Singolarmente considerato, il debito del Congo Brazzaville supera il 100% del Prodotto interno lordo, mentre quello di Mali e Camerun è inferiore al 40%.

A livello di inflazione, il Paese che peggio se la passa è la Repubblica centroafricana, con un indice dei prezzi prossimo al 38%. Variazioni attorno allo zero in termini di tasso d’inflazione sono invece quelle di Benin, Guinea Bissau e Burkina Faso.

Da ultimo, Camerun, Niger, Brukina Faso e Mali sono i primi territori per tasso di crescita. In Africa, come nella stragrande maggioranza delle economie emergenti, la variabile della crescita demografica è tra i dati più importanti, potenziale fonte di crescita futura, am anche possibile causa di depauperamento generale.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.