Brexit, Pmi e Mario Draghi spingono giù l'euro. EUR/USD al test di 1,1280

Pmi tedesco in calo: si riaccendono le preoccupazioni sullo stato di salute europeo. Incognita Brexit: riflettori accesi sull'opzione no-deal. Draghi sull'Eurozona: protratto periodo di debolezza ed incertezza. Sprofonda l'euro.

Fonte: Bloomberg

Deciso ribasso di giornata per il cambio euro/dollaro, pesantemente colpito da un ritorno di percezione di rischiosità da parte degli investitori.

Germania: Pmi in calo e sotto le attese

Da un lato, gli indicatori Pmi, che hanno riacceso le preoccupazioni circa lo stato di salute tedesco, mostrando una produttività del settore manifatturiero in calo e al di sotto delle attese. Le stime flash dell’indice Pmi tedesco a marzo si sono fermate a 47,6 contro il livello di 49,3 febbraio, sotto la soglia di espansione di 50 ed inferiore al consensus di mercato a 49,5.

Brexit: torna il timore di no-deal

Dall’altro lato, l’incognita della Brexit, tornata a riaccendere i riflettori sulla peggiore delle opzioni possibili: quella del no-deal. Dopo cinque ore di riunione, i vertici europei hanno scadenzato una nuova deadline per l’uscita inglese dall’Unione europea che, salvo un’approvazione dell’accordo May la prossima settimana, ritarda la scadenza del 29 marzo di due settimane, al 12 aprile.

Draghi (Bce): debolezza ed incertezza in Eurozona

Non è tutto: ad influire sulla coppia valutaria sono state anche le parole del governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi, ai leader durante il vertice europeo che vede per la zona euro un protratto periodo di debolezza ed incertezza generalizzata. Come già sottolineato dallo stesso nel corso dell’ultimo meeting Bce, il rischio di una recessione europea si mantiene basso, ma con un’incognita in più: quella del rallentamento del commercio internazionale.

Se gli effetti degli scontri internazionali sino-americani hanno già iniziato a sortire i propri effetti sulle diverse bilance commerciali che intrattengono relazioni con Cina e Stati Uniti, dall’altro Draghi ha invitato le aziende del Vecchio Continente ad incrementare i preparativi in vista di un possibile divorzio dal Regno Unito senza accordo. "Le autorità e le banche centrali sono pronte, ma il settore privato deve incrementare i preparative", ha detto Draghi, confermando la necessità di una politica monetaria accomodante, volta a sostenere l’economia locale.

EURUSD-Giornalierojyy

Debolezza euro: EUR/USD al test di 1,1280

La coppia EUR/USD è tornata oggi a bucare il supporto in area 1,1300, fino al test di 1,1280. Nel caso di una futura violazione del livello, la quotazione potrebbe attraversare quota 1,1260-1,1240, con ulteriore target a 1,1220. la divisa unica resta inclusa all'interno del canale lievemente discendente in atto da fine settembre.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.