Brexit, nuovo rinvio, stesso accordo. May cerca il sostegno di Corbyn. Fiducia sulla sterlina

Sterlina forte contro euro. GBP/USD sui massimi da una settimana. Theresa May cerca l'appoggio di Corbyn: disposta ad accettare proposte su aspetti delicati dell'accordo (backstop). No della Premier all'Unione doganale europea.

Pound Fonte: Bloomberg

Cambiano di nuovo i piani sulla Brexit, con una Theresa May che per la prima volta accetta di scendere a patti. Obiettivo, scongiurare il no-deal, la peggiore delle soluzioni possibili, che il prossimo 12 aprile rischia di spingere il Regno Unito nel più totale isolamento.

Fiducia sul mercato forex: GBP in forze

Qualche segnale di fiducia è giunto dal mercato del forex: dopo le parole di ieri sera del primo ministro, la sterlina ha recuperato terreno, salendo contro dollaro oltre la soglia di 1,3100 e tornando a testare in mattinata il livello a 1,3180. Ulteriori cali, invece per il cambio EUR/GBP, che ha lasciato quota 0,8600, avvicinandosi a 0,8500.

May apre a Corbyn per scongiurare il no-deal

Alle 18:00 circa di ieri, dopo un’altra estenuante giornata di discussioni parlamentari, Premier May si è appellata a Jeremy Corbyn con una proposta rinnovata: l’appoggio del primo oppositore laburista in cambio di una decisione comune sugli aspetti più discussi dell'accordo.

Piano May: richiesta proroga breve all'Ue

Il piano di May prevede la richiesta di una proroga breve all'Unione oltre il 12 aprile, ma non oltre il 22 maggio. Il superamento di tale data imporrebbe che il 28esimo stato membro dell’Unione (ancora per poco, secondo gli ultimi aggiornamenti) prepari il Paese al voto europeo, previsto in calendario tra il 23 e il 26 maggio.

Dalla parte di Bruxelles, l’Unione si era già detta disposta ad accettare un’ulteriore proroga, fatta però salva una condizione: il via libera da parte della Camera dei Comuni prima del prossimo Consiglio europeo del 10 aprile all’accordo May, l’unico testo concreto sul quale potersi basare.

May: linea dura sull'unione doganale europea

May ha invece continuato a seguire la linea dura circa la proposta di restare all'interno dell'unione doganale europea, proposta promossa dallo stesso Corbyn e bocciata lunedì per la seconda volta, con uno scarto di soli tre voti. A detta della Premier, restare all’interno dell’Unione (come già fa la Turchia) ostacolerà gli inglese dall'intessere accordi di libero scambio con gli Stati Uniti.

La nuova apertura di Theresa May, che ha moderato i toni con l’opposizione, potrebbe anzitutto scongiurare il no-deal ed evitare, in secondo luogo, l’ipotesi di un referendum bis, più volte bocciato dalla Camera.

Brexit: resta la questione backstop d'Irlanda

Tra le questioni calde da stabilire, resta la diatriba sul confine d’Irlanda, volto a superare la clausola del backstop che, terminato il periodo di transizione (ad ora fissato a dicembre 2020) potrebbe portare alla divisione di Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda. Tra i punti in agenda rimangono inoltre i contributi finanziari inglesi al bilancio Ue ed il delicato tema dei diritti dei cittadini.

L’avvicinamento delle parti potrebbe portare nel corso della giornata a nuove defezioni da parte dei conservatori più accaniti e da chi, da principio, non ha accettato compromessi nell’una e nell’altra direzione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.