Bitcoin: da $6000 a $8000 in 5 sedute. Perché sale il prezzo delle cripto?

Dazi a firma Trump ed anticamera dei prezzi di fine 2017, ma anche GameStop, Bitfines, Bakkt e Microsoft: quali fattori muovono il rialzo del bitcoin? Positività sul mercato delle cripto nella 3 giorni di meeting annuale Consensus

Bitcoin Fonte: Bloomberg

Da 6000 a 8000 dollari in cinque sedute, con un rialzo del 35% che ha ridato carburante al mercato delle criptovalute. Alla base dei rialzi del bitcoin, anche in questo caso, l’effetto dazi a firma Donald Trump, che ha portato gli investitori a scegliere nuovamente assets differenti dai mercati azionari e dai principali cambi sul mercato del forex. Tra questi, il gold, tornato a testare il livello dei $1300 l’oncia, e le monete digitali, col rapporto BTC/USD ad un massimo di giornata a $8335 ed il ripple oggi a rialzo del 18,5% (con allunghi fino a $0,40). All’origine dell’apprezzamento della divisa virtuale c'è però molto di più.

Prezzo bitcoin: i fattori dietro al rialzo

Alcuni rivenditori di alto profilo, tra cui GameStop, Regal e Whole Foods, hanno iniziato ad accettare pagamenti in bitcoin, bitcoin cash ed ethereum, perseguendo il fine di ottimizzare i costi velocizzando gli scambi.

Dal canto suo, la piattaforma di crypto trading Bakkt ha annunciato la quotazione del future su bitcoin sul mercato regolamentato dei futures a partire dai prossimi mesi. Il settlement dello strumento sarà su base giornaliera e permetterà agli operatori di operari intraday all’interno dello stesso mercato.

A margine, Bitfines, tra le più grandi piazze di scambio per le criptovalute, ha previsto una raccolta da 1 miliardo di dollari in tethers, lo stablecoin più popolare e controverso, trattandosi di una criptovaluta che si lega ad una risorsa stabile come l'oro o ad una moneta.

Infine, Microsoft ha ufficializzato il lancio di ION, Identity Overlay Network, un’infrastruttura pubblica decentralizzata che gira sulla tecnologia blockchain di bitcoin, capace di muovere decine di migliaia di operazioni in un secondo.

Bitcoin: bene scarso, sale il prezzo

A differenza di altri strumenti di mercato, il bitcoin ha una fornitura strettamente limitata a 21 milioni di monete coniabili, motivo per il quale ogni volta che sopraggiunge una nuova ondata di domanda, sul mercato non c’è abbastanza offerta per farle fronte, spingendo così il prezzo a rialzo. Attualmente, circa 4 milioni di bitcoin non sono ancora stati estratti e altri 4 milioni sono stati dati persi per sempre, per un totale di circa 13 milioni di monete in circolazione. Molti investitori di lungo periodo su bitcoin non sono inoltre disposti a smobilizzare le proprie quote, motivo che porta la liquidità di tale mercato alla scarsità.

Nonostante ciò, l’attenzione del mercato nei confronti della prima crypto non si smorza, tendendo invece ad intensificarsi in fasi di mercato più volatili.

Bitcoin: prima del massimo di fine 2017

A seguito dei recenti rialzi, il prezzo del bitcoin ha raggiunto il livello febbrile di fine novembre 2017, anticamera del rialzo fino ad un massimo storico sopra i 19500 dollari raggiunto in data 17 dicembre. In 48 ore, appena prima di raggiungere il proprio picco assoluto, il bitcoin passò dalla soglia dei $12000 al livello di $15000, caricandosi via via di ordini in acquisto.

In questi giorni (13-15 maggio) si sta inoltre tenendo Consensus, uno dei maggiori eventi per la comunità del bitcoin, che si trovano a discutere su sviluppi e progetti che si legano alle criptovalute. Pur non essendo direttamente collegato ai corsi di mercato, storicamente, ad evento in corso, ci sono stati importanti movimenti legati al rilascio o al lancio di nuove tecnologie.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.