Federal Reserve: tassi di interesse fermi, crescita economica “moderata”

Poche sorprese dopo la riunione della banca centrale Usa, che mantiene strategia “wait and see”. Timori per l’impatto del coronavirus sull’economia globale, cambio EUR/USD in leggero rialzo

L’economia Usa cresce a passo “moderato”, ma il mercato del lavoro è “forte”: sono le parole con cui la Federal Reserve, la banca centrale statunitense, ha accompagnato la decisione di non disporre alcun taglio dei tassi di interesse durante la sua prima riunione del 2020, che restano dunque compresi nella forbice 1,5% - 1,75%.

La decisione del Comitato esecutivo risponde, secondo quanto si evince dal comunicato, alla volontà di riportare l’inflazione verso “l’obiettivo simmetrico del 2% posto dal Comitato”, e sembra indice del fatto che tale obiettivo si sti rivelando particolarmente difficile da raggiungere – a dicembre 2019 si è assestata al 2,3%.

Cosa ha rassicurato la Fed?

La Fed conferma comunque un approccio “wait and see”, ovvero aspettare prima di qualsiasi ulteriore intervento monetario e osservare l’andamento dell’economia. Il raggiungimento di un accordo con la Cina e la tregua nell’ambito della guerra commerciale, ma anche i buoni dati macro su occupazione e Pil (pur sempre ancora lontano dal target del 3% perseguito da Trump) hanno contribuito a tale approccio.

Tutto ciò sarebbe infatti abbastanza per “ritenere che i tassi correnti siano appropriati a sostenere una crescita economica moderata, un forte mercato del lavoro e il ritorno dell’inflazione al nostro obiettivo minimo del 2%”, come ha dichiarato il presidente della Fed, Jerome Powell, in conferenza stampa.

La sottigliezza messa in luce dagli analisti tuttavia ricade proprio sul “moderata”, in riferimento alla crescita economica, che dunque sembrerebbe in leggero rallentamento – il messaggio ricorda molto quello con cui la Fed aveva annunciato la decisione, a dicembre, di non tagliare più i tassi.

E cosa teme?

Allo stesso tempo, sembra che il Fomc (il comitato esecutivo della Fed) abbia preso in considerazione gli investimenti e le esportazioni degli ultimi mesi, che si sono confermate più deboli rispetto al passato. Più moderata anche la spesa dei consumatori, mentre a dare segnali di ottimismo è quella delle famiglie.

Il comunicato non fa apertamente cenno al coronavirus e agli effetti che l’epidemia potrà provocare sull’economia globale, ma ne ha parlato Powell durante la conferenza stampa. Per il presidente della Fed, siamo davanti a “un problema molto serio”. “Ovviamente stiamo monitorando molto attentamente la situazione”, ha continuato.

Secondo gli analisti di JP Morgan il virus, che finora ha provocato 170 vittime nella provincia dell’Hubei, in Cina, potrebbe provocare un rallentamento dell’economia cinese dal 6,3% al 4,9%, mentre già si teme una perdita sul Pil di circa il 5%. Gli effetti del colpo sulla seconda economia globale già si sono fatti sentire al di fuori della Cina, con diverse multinazionali (Starbucks, McDonald’s, Apple, Ford) che hanno sospeso la distribuzione o produzione in Cina.

Come ha reagito il cambio EUR/USD?

A poche ore dall’inizio della riunione della Fed, mercoledì, il dollaro aveva iniziato ad apprezzarsi, salvo tornare a scendere fino a far tornare il cambio EUR/USD a quota 1,1019. Mercoledì la coppia valutaria aveva toccato il minimo da fine novembre a 1,0992 anche sui timori per l’espansione del coronavirus, che ha provocato l’aumento gli acquisti sulle valute rifugio (yen, franco svizzero e dollaro Usa).

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Inizia ora a fare trading sul forex

Fai trading nel mercato più grande e liquido al mondo.

  • Spread a partire da soli 0,6 pip su EUR/USD
  • Analizza i movimenti di mercato con il nostro pacchetto di grafici
  • Opera con le nostre piattaforme di trading, anche da mobile

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.