I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

EUR/USD recupera le perdite dopo dati PMI USA peggiori del previsto

La moneta unica ritorna sopra 1,02 contro dollaro sulla scia dei risultati PMI statunitensi peggiori delle aspettative.

L’euro recupera le perdite contro il dollaro dopo la pubblicazione dei dati S&P Global PMI statunitensi in forte deterioramento. In particolare, quello relativo ai servizi che è risultato a 47 in netto contrasto con le previsioni ferme a 52 che ha incentivato le vendite sulla divisa USA.

La coppia EUR/USD ha recuperato tutte le perdite contratte durante la giornata dove aveva perso molto dopo la pubblicazione degli indici PMI in Europa. A scatenare in mattinata le vendite sulla moneta unica sono stati i risultati dell’indice manifatturiero PMI relativo alla Germania, prodotto da S&P Global, che ha evidenziato una contrazione toccando il livello di 48 (dunque sotto la soglia di 50 che determina la divisione tra un’espansione e una contrazione economica).

Anche l’indice composito PMI relativo all’Eurozona è crollato ad un minimo di 17 mesi toccando il punteggio di 49,4 a luglio contro quello di 52 registrato a giugno. L’indice segna dunque un deciso deterioramento delle condizioni economiche della più grande economia europea in termini di PIL, andando a complicare ulteriormente il già difficile quadro macroeconomico.

Gli effetti su EUR/USD

La coppia EUR/USD subisce un calo repentino dal livello di 1,020 fino ad un minimo di 1,0130. Nel pomeriggio, l’euro recupera terreno e supera la resistenza in area 1,02.

Parziale recupero per EUR/JPY e EUR/CHF

Ribasso più violento per quanto riguarda il cambio EUR/JPY che affossa di quasi un punto percentuale in poco più di un’ora passando da 140,6 e toccando il supporto di 139,4. Inoltre, durante il pomeriggio, l’EUR/JPY amplifica il calo toccando un minimo a 138,9. Ripresa dell’euro solo dopo i dati USA che lo riportano a quota 139,2.

Analogo caso anche per quanto riguarda l’EUR/CHF che scivola dello 0,63% passando da 0,987 a 0,981 per poi ritracciare parzialmente fino a 0,984.

Di conseguenza sembra che l’euro non riesca a mostrare segnali di rafforzamento nel breve termine contro le due principali valute rifugio.

Infatti, il rafforzamento di yen e franco svizzero può essere in parte spiegato dal ruolo che giocano come valute rifugio in momenti di incertezza economica.

Tuttavia, sul franco svizzero sta avendo effetto anche la politica monetaria intrapresa dalla BNS che ha deciso di alzare i tassi di interesse di 50 punti base durante la sua ultima riunione.

Le previsioni

In generale, la paura di un rallentamento dell’attività economica europea unita alle pressioni interne (politiche) ed esterne (geopolitiche) sul Vecchio Continente stanno fortemente affossando la solidità dell’euro che però mostra segnali di vigore soprattutto contro il dollaro.

Nonostante ciò, la sfiducia verso l’Unione Europea si riflette anche sul mercato obbligazionario dove i Bund tedeschi hanno mostrato un calo del rendimento dello 0,16% con lo spread BTP-Bund che rimane comunque elevato a 236 pb. Gli investitori stanno dunque cercando un posto sicuro nei titoli di stato più solidi dell’Eurozona.

Inoltre, proprio oggi sono state riviste al rialzo le aspettative di inflazione per il 2022, 2023 e 2024 rispettivamente al 7,3%, 3,6% e 2,1% indicando dunque che ci saranno ulteriori rialzi dei tassi di interesse da parte della BCE.

Tuttavia, le nostre previsioni sono che l’euro continuerà a perdere terreno, soprattutto nei confronti del dollaro a causa della stretta monetaria più aggressiva da parte della Federal Reserve, ma ci potrebbe essere un inversione di rotta - con un euro in parziale rafforzamento - nel primo trimestre 2023 dopo i primi segnali di un calmieramento delle pressioni inflazionistiche.

Vuoi fare trading sulla coppia EUR/USD?

Con i Turbo24 puoi fare trading sul forex e sulla coppia EUR/USD tutto il giorno senza interruzioni. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Inizia ora a fare trading sul forex

Trova nuove opportunità sul mercato più grande e liquido al mondo.

  • Spread a partire da soli 0,6 su EUR/USD
  • Analizza il mercato e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Fai trading ovunque tu sia con le nostre app

Vedi un'opportunità sul forex?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Apri la tua posizione
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi un'opportunità sul forex?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Spread a partire da soli 0,6 su EUR/USD
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi un'opportunità sul forex?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading