EUR/USD in rialzo dopo calo inflazione Usa, la Fed sempre più lontana da ulteriore taglio dei tassi

L’indice dei prezzi al consumo negli Usa ad aprile è sceso dello 0,8% rispetto al mese precedente a causa della scarsa attività economica durante il lockdown. Euro-dollaro sale a 1,087

Il crollo dei consumi dovuto al lockdown ha provocato ad aprile un calo dell’inflazione core negli Stati Uniti dello 0,8% rispetto al mese precedente (ma aumenta dello 0,3% rispetto allo stesso periodo del 2019), il più grande calo dalla recessione del 2008. A livello core invece i prezzi al consumo sono scesi dello 0,4% (ma aumentano dell’1,4% rispetto allo scorso anno).

A guidare i ribassi è stato il prezzo del carburante, in seguito alla crisi petrolifera scatenata dall’iper-produzione di Russia e Arabia Saudita, a marzo. D’altra parte, se l’inflazione è scesa di 0,2 punti percentuali rispetto al dato del mese precedente si deve anche al fatto che, ad aprile, gli americani sono rimasti confinati in casa per tutta la durata del mese, abbassando dunque drasticamente il consumo di carburante, ma anche la domanda di una varietà di beni e servizi con ricadute sui prezzi degli stessi.

Quali settori sono stati più colpiti?

I cali più ingenti sono stati registrati soprattutto nell’acquisto di abiti e biglietti aerei (dall’inizio della pandemia il traffico aereo ha subito una riduzione del 90%), nella prenotazione dei servizi alberghieri e nelle assicurazioni automobilistiche.

Di contro, hanno osservato un notevole aumento i beni alimentari (con la maggior parte degli americani chiusi in casa, il costo degli alimenti è balzato in avanti del 2,6%), soprattutto in considerazione della scarsità di prodotti dovuta allo stop delle catene di approvvigionamento: nelle ultime settimane in Usa scarseggia la carne di maiale (+6,8%), manzo (+7,5%) e pollame (+6,3%).

Come si comporterà ora la Fed?

Con un tweet di poche ore fa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è tornato a fare pressioni affinché la Federal Reserve passi a un regime di tassi negativi: “Fintantoché anche gli altri paesi stanno ricevendo i vantaggi dei tassi negativi, anche gli Usa dovrebbero accettare il regalo”, ha scritto il Tycoon.

Eppure l’istituto centrale statunitense non sembra affatto incline all’idea di tagliare ulteriormente il costo del denaro, soprattutto dopo gli interventi straordinari degli ultimi mesi – quando, per far fronte all’emergenza Covid-19, la Fed ha portato i tassi a una forbice compresa tra 0 e 0,25%.

La situazione economica attuale, con un’inflazione sempre più contenuta, non sembra dare motivo per procedere dunque in tal senso. Diversi analisti avvertono che, stando ai dati pubblicati oggi, un innalzamento dei prezzi al consumo è “l’ultima delle preoccupazioni” per gli Usa.

Come hanno reagito i mercati?

Torna a rafforzarsi l’euro nei confronti del dollaro, con il cambio EUR/USD in rialzo a 1,0868, mentre il cross USD/JPY tocca 107,305.

Wall Street, che si aspettava un calo dell’inflazione leggermente più contenuto (i pronostici volevano il dato core mese su mese a -0,2% mentre quello relativo all’anno scorso a 1,7%), tenta di mantenere i guadagni con cui ha aperto la sessione, ma al momento solo il Dow Jones regge sopra la parità, in leggero rialzo dello 0,04%. Rallenta l’S&P500, che perde lo 0,13%, mentre il Nasdaq allunga a 0,11% grazie alle aziende tech, che resistono ai cali generalizzati provocati dal coronavirus.

Proprio a proposito di coronavirus, il Senato oggi si prepara ad ascoltare esperti in materia – primo fra tutti Anthony Fauci, capo virologo della task force della Casa Bianca, per collezionare pareri sull’opportunità o meno di una riapertura dell’economia, di fronte al rischio di una seconda ondata di contagi.

Fai trading sul Forex e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Opera sugli indici

Fai trading oggi con i principali indici globali.

  • Puoi negoziare con gli spread più bassi del mercato su Wall Street
  • Spread da 0,8 punto su FTSE 100 e Germany 30
  • Scegli l'unico broker che offre quotazioni H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.