EUR/USD in calo, secondo i verbali la Bce era già pronta ad aumentare il Pepp

Nell’incontro dello scorso 29-30 aprile l’istituto centrale di Francoforte avrebbe già messo in conto ulteriori acquisti nel programma di QE, in arrivo forse già da giugno

Il consiglio direttivo della Banca centrale europea è pronto ad aumentare il volume del programma di acquisto per l’emergenza pandemica (Pepp) e ad aggiustare la sua composizione se, sulla base delle informazioni pervenute all’istituzione comunitaria entro la prossima riunione del 4 giugno, questo dovesse dimostrarsi ancora insufficiente a supportare l’economia europea: è quanto si evince dai verbali dell'istituto di Francoforte, relativi alla riunione dello scorso 30 aprile e pubblicati oggi ufficialmente.

Secondo i governatori, una ripresa dell’economia a V è ormai fuori discussione arrivati a questo punto della crisi. La soluzione passerebbe per un aumento ancora più deciso del programma di acquisto titoli, che già prevede misure da 750 miliardi di dollari.

Cosa si prevede per l’incontro di giugno?

Gli analisti di Reuters prevedono che la Banca centrale europea possa disporre ulteriori misure da 375 milioni di euro, che si andrebbero ad aggiungere ai programmi già disposti: i già menzionati 750 miliardi in acquisto di asset, ma anche le nuove operazioni di rifinanziamento a tassi agevolati (disposte nell’ultima riunione tramite il nuovo programma Peltro, Pandemic Emergency Longer-term Operations).

In totale, contando tutte le operazioni di Quantitative Easing disposte dall’inizio della crisi sanitario-economica, si arriva a circa 1.100 miliardi di euro. Eppure, stando ai verbali di stamattina, i governatori di Francoforte temono che non sia ancora abbastanza.

Si aprono dunque nuove prospettive sui titoli che potrebbero finire in pancia alla Bce – i cosiddetti fallen angels, titoli il cui rating si è abbassato a causa della crisi, come proposto dal membro del board esecutivo Isabel Schnabel.

Quali sono stati gli effetti della crisi coronavirus sull’Europa?

La liquidità disposta dalla Banca centrale non sarebbe infatti ancora sufficiente per dare segnali di fiducia ai mercati finanziari. Il vicepresidente della Banca centrale Philip Lane ha ricordato la forte contrazione rilevata anche dai dati Pmi, con l’indice composito per l’Eurozona che si è contratto dai 52 punti di gennaio ai 45 di febbraio e ancora 41 a marzo.

Il Pil dell’Eurozona nel primo trimestre (solo parzialmente interessato dall’emergenza coronavirus) è sceso del 3,8% rispetto all’ultimo trimestre 2019, a causa dello stop forzato delle attività reso necessario per contenere la pandemia – e per il secondo trimestre si attendono dati ancora peggiori. La Banca centrale prevede che il prodotto interno lordo della zona euro possa subire contrazioni tra il 5% e il 12% nel 2020, con un rimbalzo atteso solo nel 2021.

Resta tuttavia l’incertezza sulla durata della pandemia e delle misure di distanziamento sociale, che ormai dipendono unicamente dall’arrivo di un vaccino – sulle cui tempistiche regnano ancora dubbi.

Come ha reagito l’Euro?

Da quando, a fine febbraio, la minaccia del coronavirus si è fatta via via più concreta, la moneta unica si è notevolmente indebolita rispetto al dollaro, fino quando, domenica 22 marzo, non è crollato a quota 1,0635, il minimo da aprile 2017.

Il cambio EUR/USD negli ultimi giorni era tornato a salire sulla scia delle proposta franco-tedesca per un Recovery Fund (finanziato dal bilancio comunitario) da 500 miliardi d euro, tuttora allo studio della Commissione che dovrebbe esprimersi al riguardo il prossimo 27 maggio.

Al momento, la coppia valutaria viaggia in ribasso dello 0,44%, a 1,09.

Fai trading sul Forex e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Inizia ora a fare trading sul forex

Fai trading nel mercato più grande e liquido al mondo.

  • Spread a partire da soli 0,6 pip su EUR/USD
  • Analizza i movimenti di mercato con il nostro pacchetto di grafici
  • Opera con le nostre piattaforme di trading, anche da mobile

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.