EUR/GBP ai massimi da tre mesi, al via oggi negoziati Brexit in presenza

Il capo negoziatore UK David Frost e la sua controparte UE Michel Barnier tornano a confrontarsi di persona, nella speranza di raggiungere un accordo anche prima della fine del 2020. Intanto, il cambio EUR/GBP sale a quota 0,9159

Ripartono i negoziati per la Brexit in presenza, dopo mesi di stop forzato a causa del Covid-19 che hanno aggiunto ulteriori difficoltà alla ricerca di un accordo per cui le lancette continuano a correre.

Mancano infatti esattamente sei mesi al termine ultimo per la negoziazione di un’uscita ordinata del Regno Unito dall’Unione Europea. Entrambe le parti hanno dichiarato di essere intenzionate a raggiungere un accordo entro la fine dell’anno (il termine scade esattamente il 31 dicembre), ma l’intenzione di Downing Street sembra essere quella di raggiungere un compromesso sulle questioni più scottanti già entro la fine dell’estate – così da avere tutto il tempo di rifinire la gestione della relazione con l'Ue, in autunno.

Dall’altro lato, a Bruxelles non sembrano essere altrettanto ottimisti. Questioni più urgenti sono all’ordine del giorno delle istituzioni europee, prima fra tutti quella riguardante il Recovery Fund post-pandemico. Non a caso, già in occasione dell’ultimo consiglio Europeo, in cui il piano è stato presentato, la cancelliera tedesca Angela Merkel aveva suggerito che i lavori per l’approvazione del piano di ripresa economica venissero anticipati, non solo perché ciò avrebbe consentito a quest’ultimo di entrare in vigore in anticipo rispetto a quanto prefissato (inizio del 2021), ma anche perché in tal modo le discussioni non si sarebbero trovare ad accavallarsi con quelle sulla Brexit.

In ogni caso, i negoziatori da parte comunitaria hanno assicurato che faranno del loro meglio. Bruxelles ha infatti garantito piena collaborazione e flessibilità – almeno fintantoché non vengano toccati alcuni principi comunitari come il mercato unico.

Quali sono le questioni ancora aperte?

In primo luogo, ancora non c’è accordo sulla struttura di un accordo: da parte dei 27 si chiede un patto omnicomprensivo che includa non solo questioni commerciali, ma anche i diversi aspetti della relazione con il Regno Unito post-Brexit; Londra invece propende per una serie di accordi separati, primo fra tutti un accordo di libero scambio.

Nello specifico le principali discordanze riguardano il cosiddetto “level plain field”, ovvero la reciprocità di trattamento sociale, legale, giudiziario e finanziario a regolare i rapporti tra UE e UK. Seguono poi le discussioni sui diritti di pesca, per altro portate allo stremo quando invece l’idea originaria era quella di raggiungere un accordo entro l’inverno, in funzione della stagionalità della questione.

Continuano infine a far discutere la regolamentazione degli aiuti di stato, la protezione dei diritti dei lavoratori e le richieste concernenti una svolta verde nelle politiche ambientali.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sui mercati oppure esercitati prima con un conto demo

Come si sta muovendo il cambio EUR/GBP?

Sul Forex la giornata è caratterizzata da un forte rally dell’euro, lanciato verso quota 1,128 nei confronti del dollarodopo una buona lettura dell’inflazione tedesca preliminare di giugno (allo 0,6%, in netto rialzo rispetto al -0,1% di maggio) e, restando in Germania, dall’annuncio con cui la Bundesbank ha chiarito di voler continuare al partecipare al programma europeo degli acquisti di titoli di Stato.

Un euro così forte porta al rialzo anche il cambio EUR/GBP, che raggiunge quota 0,9159 con un rialzo dello 0,82%. “La sterlina rimane sotto pressione in scia a diversi fattori, tra cui quello più importante è l'approssimarsi della deadline per uno slittamento del periodo di transizione oltre il 31 Dicembre 2020” spiega Vincenzo Longo, Premium Client Manager per IG. “C'era qualcuno che scommetteva su uno slittamento causa Covid, ma questa opportunità potrebbe svanire incrementando le chance di una Hard Brexit. Il rally del cambio EUR/GBP potrebbe non essere terminato qua e nuovi massimi sono all'orizzonte”

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trading sulla Brexit

Scopri come l'uscita del Regno Unito dall'UE continua a influenzare l'operatività dei trader e scopri:

  • Le opportunità in caso di ‘hard’ e ‘soft’ Brexit
  • I mercati da monitorare
  • I cambiamenti che sono avvenuti fino ad ora

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.