Indice Dow Jones in ribasso, le misure di Trump non convincono i mercati

Le vaghe proposte della Casa Bianca non bastano per mantenere i listini Usa in area positiva. Pesa anche il calo del petrolio, Riad ordina ulteriore aumento della produzione

Dopo la chiusura di ieri, che ha fatto presagire recuperi sui listini Usa, oggi i mercati tornano in area negativa, con il Dow Jones che registra la performance peggiore, a -4,81%.

I casi di coronavirus in tutto il mondo hanno ormai superato quota 100 mila, i decessi sono oltre 4 mila. Gli Stati Uniti si preparano a misure sempre più drastiche, ma proprio la vacuità delle proposte ha provocato un sentiment negativo sui mercati.

Cosa ha proposto Trump per fronteggiare l’emergenza coronavirus?

In occasione di un incontro a Capitol Hill con i legislatori repubblicani, ieri il presidente Usa Donald Trump ha suggerito l’azzeramento delle tasse sulle buste paga per tutto il 2020. A preoccupare l’amministrazione tuttavia non è solo l’espandersi dei contagi sul territorio statunitense, ma anche le ripercussioni del crollo del prezzo del petrolio, per cui Trump ha proposto misure di supporto a livello federale per le aziende attive nel comparto energetico.

D’altra parte, la sospensione dell’imposta sul reddito ha sollevato perplessità: un taglio così drastico sulle tasse pone infatti la questione del finanziamento dei programmi Medicare e Social Security, problemi ai quali non sono state fornite risposte. Inoltre, a non essere chiare sono anche le tempistiche per implementare tali misure.

Oggi alla Casa Bianca sono attesi i vertici di Wall Street, per studiare insieme stimoli fiscali da implementare a supporto dell’economia Usa. È chiaro ormai che il taglio dei tassi a sorpresa della Federal Reserve di martedì scorso non è stato in grado di assorbire l’impatto del coronavirus sull’economia globale. Alcuni analisti scommettono ora su un secondo taglio, da accompagnare a una risposta più decisa dei governi per tentare di riportare stabilità sulle piazze finanziarie.

Come si sta diffondendo il coronavirus negli Usa?

Nel frattempo, i casi accertati di contagi negli Stati Uniti ammontano a oltre mille, secondo i dati riportati dalla Johns Hopkins University. Oggi il sobborgho di New York La Rochelle, dove è stato riscontrato il maggior numero di casi di coronavirus nei pressi della metropoli, è stato chiuso nel tentativo di contenere il contagio.

Si tratta del più grande focolaio di coronavirus sulla costa orientale: le scuole sono già state chiuse e oltre 2 mila persone sono in auto-isolamento.

Come influisce sui mercati il prezzo del petrolio?

Nel frattempo, il prezzo del petrolio continua a viaggiare al ribasso, provocando ripercussioni sui mercati già sotto pressione. È di oggi la notizia che Saudi Aramco, la più grande compagnia petrolifera saudita, ha ricevuto direttive dal governo di Riad per aumentare la produzione a 13 milioni di barili al giorno – ancora di più dei 12,3 milioni inizialmente annunciati, dopo il nulla di fatto della riunione Opec di venerdì scorso in cui i membri dell’organizzazione non sono riusciti a raggiungere un accordo sul taglio congiunto della produzione a causa del rifiuto della Russia.

Il prezzo del barile ha subito un calo intraday di circa il 3%, con il Brent a quota 36,5 dollari al barile (in ribasso del 45% rispetto ai prezzi di gennaio) mentre il Wti viaggia a 33,66 dollari al barile.

Come hanno reagito gli altri indici Usa?

Negli ultimi 12 giorni è stato registrato un tasso di volatilità su Wall Street pari a circa il 3% - molto più alto di quanto gli investitori abbiano sperimentato in tutto il 2019, quando lo stesso valore non ha superato l’1%.

Mentre il Dow Jones ha registrato la performance peggiore in apertura, non sono andati meglio gli altri listini: l’S&P500 ha perso il 4,18%, mentre il Nasdaq viaggia a -3,99%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.