Cyber Monday, i dati sugli acquisti si sommano al Black Friday (e fanno impennare i consumi)

Proseguono le offerte e aumentano gli sconti in occasione del lunedì tech (ma ormai non solo). Il 2019 è l’anno in cui i consumatori si sono definitivamente convertiti all’acquisto tramite smartphone

Passato il Black Friday (il venerdì successivo alla festa del Ringraziamento, negli Stati Uniti) è ora il turno del Cyber Monday: un giro di acquisti per miliardi di dollari, secondo stime ancora da definire in attesa della conclusione della giornata di oggi e dei dati sugli acquisti dell’ultimo trimestre del 2019.

L’andamento degli acquisti in Italia

Per quanto ormai la tradizione di Black Friday (e Cyber Monday) sia stata ormai totalmente trasmessa anche in Europa, i dati segnalano ancora volumi molto più contenuti. Per il momento, un’indagine di Nexi ha rilevato che, da venerdì, le transazioni sono salite del 10,3%, mentre il Codacons sottolinea come il 75% degli acquisti sia avvenuto online. Coldiretti rivela invece che, in occasione del Cyber Monday, il 33% degli italiani acquisterà online, principalmente regali di Natale, per approfittare di offerte spesso anche più convenienti di quelle del Black Friday.

Regnano, come d’altra parte anche negli Usa, le grandi compagnie (per convenzione, quelle che fatturano almeno un miliardo di euro all’anno). In Italia il sito favorito è stato Amazon, da cui è possibile risalire anche alla tipologia di prodotti preferita dai consumatori. Nello specifico, gli italiani si sono concentrati su prodotti per la casa (oltre 150 mila ordini), prodotti di bellezza e cura della persona (oltre 100 mila ordini), seguono articoli sportivi e per il fai-da-te (circa 50 mila ordini per categoria).

È ancora presto per valutare l’impatto degli acquisti di questo fine settimana sui conti dell’ultimo trimestre dell’anno, ma gli auspici sono particolarmente positivi. Negli ultimi giorni lo stesso Codacons ha avuto occasione di ricordare come il Venerdì Nero abbia avuto un impatto niente affatto irrilevante sui consumi dello scorso anno: l’Istat ha infatti registrato un aumento delle vendite del 22,4% su base annua, l’11,7% di incremento sulle vendite di tv ed elettrodomestici e il 4,3% in più per calzature e pelletteria.

E negli Usa?

I dati provvisori parlano di oltre 7,4 miliardi di dollari spesi online solo venerdì su oltre 4,500 siti di e-commerce monitorati dalla società Adobe Analytics. Si tratta dello shopping più mastodontico mai registrato finora nella storia, secondo solo al Cyber Monday dell’anno passato, quando erano stati registrati acquisti per 7,9 miliardi. Eppure, secondo le stime il lunedì tech del 2019 potrebbe addirittura superare tale cifra: si prevedono infatti acquisti per 9,4 miliardi di dollari – il 20% in più rispetto al 2018. Aumenta anche l’importo medio per acquisto: 168 dollari, il 5% in più rispetto allo scorso anno.

Il 2019 sarà inoltre ricordato come l’anno in cui gli acquisti da mobile hanno segnato un nuovo record, con il 35% in più degli ordini: in totale, si calcola che il 65% degli acquisti online sia avvenuto tramite mobile, mentre il 31% da desktop, per un totale di 2,9 miliardi di dollari spesi.

Grandi negozi, piccole catene oppure online?

Non solo: si registra anche una maggiore confidenza dei consumatori a spendere grandi somme via internet e ad abbattere i tempi di spedizione, scegliendo l’opzione di ritiro preso il punto vendita (scelto dal 43% di chi ha fatto acquisti online).

I piccoli negozi possono comunque contare su una buona performance per quanto riguarda la presenza online che, a giudicare dai click sul pulsante “aggiungi al carrello”, aumentata del 13% (da mobile) e del 51% (da desktop), sembrerebbe aver ripagato; le grandi catene invece si confermano in cima al podio, con il 60% degli utenti che è arrivata a concludere un acquisto.

Molto peggiore invece la situazione nei negozi fisici e nei centro commerciali. Il volume dei clienti è diminuito del 2,1%, il valore delle transazioni del 6,7%, le vendite in generale sono scese dell’1,6%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Esplora i mercati finanziari con i nostri corsi online gratuiti

Scopri come fare trading su una vasta selezione di mercati,o approfondire le tue conoscenze con i webinar, le lezioni interattive e i video di IG Academy.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.