Cina-Usa: raggiunta fase uno dell’accordo commerciale, stop aumento dazi

Importazioni agricole, servizi finanziari e proprietà intellettuale al centro delle discussioni. Probabile firma tra quattro settimane in Cile

Non è esattamente il risultato che i mercati si aspettavano, ma è pur sempre un risultato: venerdì sera Cina e Stati Uniti hanno raggiunto un accordo commerciale, seppur limitato, che ha scongiurato il rialzo delle tariffe sui prodotti cinesi previsto per martedì.

Cosa prevede l’accordo commerciale?

Termini e condizioni non sono ancora del tutto chiari. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il vice premier cinese Liu He hanno trovato un’intesa per quella che Trump ha definito la “Fase Uno” dell’accordo. Le conclusioni riguardano tre settori principali: esportazioni agricole, apertura dei servizi finanziari cinesi agli investimenti esteri e regolamentazione della proprietà intellettuale, dopo la questione del trasferimento di know-how estero alle aziende cinesi come presupposto per l’entrata nel mercato cinese.

Si tratta tuttavia di accordi limitati e ancora non ufficiali. Per la firma bisognerà infatti aspettare il vertice Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation, l’incontro delle economie che affacciano sul Pacifico), che si terrà a Santiago del Cile il 16 e 17 novembre 2019. I ministri delle Finanze dei paesi che si apprestano a partecipare all’incontro iniziano oggi una due giorni per preparare il terreno al summit di novembre. L’anno scorso le discussioni verterono sulla guerra valutaria, con la Cina che continuava a svalutare lo yuan in risposta agli aumenti dei dazi da parte degli Usa. Fu la prima volta dal 2000 in cui, a fine summit, non venne rilasciato alcun comunicato congiunto. Quest’anno le prospettive non solo sembrano più rosee, ma potrebbero anche portare a una conclusione della guerra commerciale tra le due super potenze.

Trump ha comunque rassicurato i cittadini statunitensi su twitter: l’accordo prevede che la Cina riprenda ad acquistare i prodotti statunitensi immediatamente (le indiscrezioni parlano di 40/50 miliardi di dollari di beni), senza dover aspettare quattro settimane per la firma – un messaggio importante per i produttori agricoli statunitensi. Allo stesso modo, effetti immediati si attendono anche sul fronte dei servizi finanziari: in cambio di una ripresa dell’import, sembra infatti che Pechino abbia chiesto un ridimensionamento del processo di apertura al mercato estero, che dunque presumibilmente non sarà totale.

Quali sono gli effetti immediati?

Il primo, grande risultato del mini-accordo è aver evitato il rincaro della tariffe doganali previsto per martedì, quando sarebbero passate dal 25 al 30% su prodotti per un valore totale di 250 miliardi di dollari.

L’effetto tampone è bastato per imprimere una spinta ai mercati, che stamattina hanno chiuso in positivo: ad eccezione della Borsa di Tokyo, oggi chiusa per festività, tra le asiatiche Shangai ha registrato +1.15% e Hong Kong (Hong Kong Exchanges and Clearing Ltd) + 0,84%; dagli Usa i volumi saranno più contenuti i a causa delle celebrazioni per il Columbus Day.

In avvio della settimana borsistica non particolarmente mosso USD, che si assesta su 108,25 yen, mentre il cambio EUR/USD ammonta a 1,1035. Il mercato valutario sconta la vaghezza del mini-accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti, che agli occhi degli analisti ha un valore “più simbolico che sostanziale, e potrebbe essere descritto meglio come una ‘tregua temporanea nella guerra commerciale”, come spiega Ray Attrill, a capo della divisione Forex Strategy presso la National Australia Bank.

Fai trading sui prinicpali indici senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 68% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.