Brexit: per l’Osce Pil Uk destinato a diminuire anche in caso di accordo

Secondo l’Organizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica, la crescita del Regno Unito rallenterà almeno fino al 2021. Scenario incerto per via di Brexit e guerra commerciale

Secondo l’Organizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica (Osce), che vi sia un accordo a disciplinare la Brexit o meno comunque la situazione non cambierà per il Pil britannico: sembra infatti che sia destinata a scendere a circa l’1%.

Cosa ha detto l’Osce?

Secondo il rapporto sulla crescita globale, pubblicato stamattina dall’Organizzazione, infatti, in caso di Brexit entro il 31 gennaio (dunque con un accordo negoziato da Johnson, in caso di vittoria alle prossime elezioni del 12 dicembre, e approvato dal nuovo Parlamento), il Pil britannico nel 2020 rallenterà rispetto all’1,2% registrato quest’anno, per ritornarvi solo nel 2021. Il prospetto prende in considerazione l’eventualità di un’uscita ordinata del Regno Unito dall’Ue e un periodo di transizione fino al 2021

Peggio ancora in caso di mancato accordo: qualora il Regno Unito dovesse lasciare l’Unione Europea senza un accordo, infatti, il Pil in tre anni diminuirebbe di oltre il 3% (a fronte di una media europea dello 0,6%). Tale calo sarebbe dovuto soprattutto alle turbolenze che un’eventualità del genere scatenerebbe sui mercati finanziari.

L’Osce sottolinea inoltre la particolare posizione del Regno Unito di per sé, esposto sia alle turbolenze provenienti dal continente, sia a quelle provenienti da oltreoceano: il riferimento è alla guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, le cui ricadute interessano i mercati globali nel complesso.

Chi vincerà le elezioni di dicembre?

Nel frattempo, i britannici si preparano a tornare al voto. Le elezioni sono fissate per il 12 dicembre e la campagna elettorale già è partita. Stando agli ultimi sondaggi, con il 44% dei consensi il partito Conservatore sarebbe in vantaggio sui laburisti (28%) di buoni 16 punti percentuali, mentre Liberaldemocratici e Brexit Party perdono ciascuno quattro punti rispetto agli ultimi dati, che li vedevano rispettivamente al 16% e 3%.

I mercati reagiranno presumibilmente bene a tanta sicurezza. Una vittoria dei Conservatori significherebbe infatti una maggioranza in Parlamento più forte e stabile, abbastanza per far passare l’accordo sulla Brexit già negoziato in sede europea nelle scorse settimane – tutt’al più emendato in maniera tale da riflettere la nuova composizione di Westminster, ma una maggioranza conservatrice dovrebbe riuscire a garantire che non venga snaturato. Non a caso, sono pochi i cittadini disposti a rischiare un altro “hung Parliament”, senza una maggioranza definita.

D’altra parte, proprio la Brexit è l’argomento principale che sta caratterizzando la campagna elettorale del partito di Boris Johnson: essendo anche quello che più sta a cuore ai cittadini britannici, il successo è comprensibile. Al contrario, i Laburisti di Jeremy Corbyn coprono una gamma di argomenti più larga, primo fra tutti la riforma del sistema sanitario nazionale – ma una fetta rilevante è riservata anche all’educazione e al settore scolastico in generale.

Come si è mossa la sterlina

Tra i dati non troppo rassicuranti dell’Osce da una parte e sondaggi elettorali che vedono la questione della Brexit al primo posto, la sterlina si conferma particolarmente volatile. Il cambio EUR/GBP si assesta a 0,85, in rialzo solo da poco dopo aver perso lo 0,26% da stamattina. La coppia valutaria GBP/USD al contrario guadagna lo 0,21%, a 1,30.

Fai trading sul Forex e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Inizia ora a fare trading sul forex

Fai trading nel mercato più grande e liquido al mondo.

  • Spread a partire da soli 0,6 pip su EUR/USD
  • Analizza i movimenti di mercato con il nostro pacchetto di grafici
  • Opera con le nostre piattaforme di trading, anche da mobile

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.