Brexit: discorso della regina non rassicura Bruxelles, sterlina poco mossa

La linea programmatica del governo Johnson ha confermato la volontà di un’uscita dall’UE entro il 31, ma i tempi ristretti rendono sempre più probabile un no deal

Sistema sanitario nazionale, politica agricola, educazione, ma soprattutto accordo sulla Brexit: il discorso della regina, terminato poche ore fa, conferma l’intenzione del governo di uscire dall’Unione Europea entro il 31 ottobre.

Quali sono i punti del programma di governo?

Il discorso, che tradizionalmente annuncia la linea programmatica del governo in carica, è stato il primo per l’amministrazione Johnson. Parlando della Brexit, la regina ha annunciato sette proposte di legge che, nei piani del governo Johnson, andranno a disciplinare i rapporti con il resto dell’Unione Europea, l’agricoltura, il settore ittico, i commerci, l’immigrazione e il coordinamento per la sicurezza sociale, i servizi finanziari e il diritto privato internazionale.

Un programma ambizioso, soprattutto in considerazione della ristrettezza dei tempi (mancano 17 giorni a Brexit) e la situazione traballante del governo Johnson, a cui mancano 45 deputati per poter contare su una maggioranza operativa.

Il passo indietro dell’Unione Europea

D’altra parte, l’entusiasmo con cui si era conclusa la settimana appena trascorsa sul fronte Brexit si è subito smorzato. Domenica sera infatti il capo negoziatore a Bruxelles per la Brexit, Michael Branier, ha riferito che, per quanto di buon auspicio, le proposte britanniche sulla questione del confine irlandese non sarebbero particolarmente dettagliate e “rischiano di lasciare il mercato unico a rischio di frodi”. Tanto è bastato per far piombare gli indici verso il basso, mentre la sterlina è tornata a perdere valore, dopo l’impennata di giovedì e venerdì scorsi. Simon Coveney, vice primo ministro irlandese, in mattinata ha invece dichiarato che un accordo per una Brexit ordinata è ancora possibile e i timori di Barnier potranno essere risolti dando ai leader europei il tempo necessario per per appianare le difficoltà rimanenti, soprattutto sulla questione del confine irlandese.

Il “tunnel” dei negoziati verso l’accordo per la Brexit

Proseguono intanto oggi i negoziati tecnici, a cui Barnier ha dato il via libera all’indomani dell’incontro tra i premier britannico e il suo omologo irlandese Leo Varadkar. Per Barnier, “c’è ancora molto lavoro da fare”; domani aggiornerà i leader dell’Europa a 27 sull’andamento di tali negoziati. Dopo, l’agenda si fa sempre più serrata – e l’ipotesi di un no deal sempre più probabile. Se i leader dell’UE non arriveranno a un accordo entro venerdì 18, infatti, Johnson sarà costretto per legge (in forza del Benn Act) a mandare formale richiesta a Bruxelles per rimandare la Brexit di altri due mesi, fino al 31 gennaio 2020.

Le ricadute sui mercati

L’annuncio della linea programmatica del governo, con l’obiettivo Brexit in primo piano ma sempre più improbabile, fa tornare cauti gli indici. Il FTSE 100 segna una flessione dello 0,34 %, mentre il cambio GBP/EUR torna ad abbassarsi, raggiungendo 1,1369.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.