Vodafone: rosso da 7,8 miliardi. Titolo vola sul piano riduzione costi. Fibra +64%

Calano i ricavi della compagnia telefonica inglese, scesi del 5,5% a 21,8 miliardi di euro. Il titolo guadagna però oltre il 7%. L’ingresso di Iliad ed il ritorno della tariffazione a 30 giorni hanno messo pressione ai profitti del comparto tlc.

Vodafone
Fonte Bloomberg

Vodafone convince il mercato, che premia il titolo della compagnia telefonica inglese con rialzi oltre il 7%. In una giornata agitata per il settore delle telecomunicazioni, dopo le dimissioni dell’AD di Telecom Italia e i risultati del terzo trimestre del competitors francese, Iliad, Vodafone ha rivelato dati transitori.

La quotazione ha però beneficiato di un doppio annuncio: l’avvio di un maxi piano di riduzione dei costi ed il rialzo del 64% dei clienti fibra, grazie alla Partnership con Oper Fiber.

Il gruppo telefonico ha chiuso il semestre al 30 settembre con un rosso di 7,8 miliardi di euro contro un precedente risultato in un utile da 1,235 miliardi; a ribasso anche i ricavi, scesi del 5,5% a 21,8 miliardi di euro. Sui dati di Vodafone hanno pesato l'adozione dei nuovi principi contabili Ifrs 15, la vendita di Vodafone India (seguito al completamento della fusione con Idea Cellular) e la cessione della partecipazione in Vodafone Qatar. Hanno inoltre inciso negativamente le svalutazioni operate dalla società sul mercato spagnolo e rumeno. Tra i mercati più virtuosi, quello tedesco e quello inglese.

Guardando al solo mercato italiano, Vodafone ha registrato ricavi da servizi mobili pari a 1,97 miliardi di euro; sul mobile, Vodafone Italia ha ormai raggiunto 12,4 milioni di clienti 4G (18,5% rispetto al medesimo semestre 2017) ed accelerato il ritmo di investimenti per la realizzazione della rete 4.5G.

I ricavi da servizi fissi si sono invece attestati a 523 milioni di euro; la performance nei servizi di rete fissa (+ 7,9%) con la costante crescita dei clienti (arrivati a 2,8 milioni) è stata trainata dalla banda larga (+13,7% dei clienti) e dal boom della fibra, scelta da 1,4 milioni di clienti, il64,4% in più del semestre 2017.

Nel complesso, i ricavi da servizi di Vodafone Italia hanno però sfiorato quota 2,5 miliardi, in calo del 6,4% rispetto allo stesso semestre dell’anno precedente.

L’ingresso sul mercato di Iliad ed il ritorno della tariffazione a 30 giorni hanno messo sotto pressione i profitti degli operatori nel comparto tlc. Evidenza confermata dalla stessa Vodafone Italia: “la performance finanziaria è stata influenzata dall’impatto della regolamentazione sul ritorno alla tariffazione mensile e dall’accesa competizione sul segmento mobile”. Non sono però mancate le notizie positive. In primis, il forte balzo avanti della “crescita dei ricavi e della base clienti di rete fissa Consumer ed Enterprise”.

Nel giorno dei risultati trimestrali e dopo la perdita da 7,8 miliardi registrata nei primi sei mesi dell’esercizio 2018/2019, Vodafone ha annunciato l’avvio di un piano di riduzione dei costi da 1,2 miliardi di euro entro il 2021.

Sull’intero anno l’amministratore delegato, Nick Read, ha confermato previsioni di crescita e dividendo in linea con quanto annunciato l’anno scorso.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.