Twitter e Microsoft spingono il Nasdaq. Wall Street freme per Amazon e Alphabet

Listini americani in movimento sui dati del comparto tech. Dopo le buone trimestrali del social dai 280 caratteri e del colosso dei computer, l'attenzione resta alta su Amazon ed Alphabet. Per Facebook ed Apple appuntamento alla prossima settimana.

Twitter
Fonte Bloomberg

A Wall Street cinguettano le trimestrali del tech e l’indice Nasdaq recupera terreno. Dopo i dati positivi e superiori alle attese resi noti da Microsoft nella serata di ieri, è stata oggi la volta del social dai 280 caratteri: se la buona performance del primo si deve alla crescita della divisione cloud e del comparto gaming, Twitter ha potuto contare sulla pubblicità in crescita e sull’impatto dei benefici fiscali.

Al centro dell’attenzione del mercato, ancora una volta, restano però i dati che Amazon ed Alphabet pubblicheranno in serata a mercati chiusi, che si accompagneranno ai numeri di Facebook ed Apple, in programma rispettivamente al martedì 30 ottobre e giovedì 1 novembre.

Twitter: +29% sui ricavi. Cresce l’utile, calano i profili fake

I risultati di Twitter del terzo trimestre, pubblicati in pre apertura sul mercato a stelle e strisce, hanno battuto le attese, chiudendo il periodo con ricavi pari a 758 milioni di dollari, in crescita del 29%. Luce verde anche sull’utile netto, che ha raggiunto la soglia dei 789,18 milioni di dollari, ben superiori al rosso da 21,1 milioni registrato dal social nel terzo trimestre 2017. L’utile per azione, al netto delle voci straordinarie, si è portato a 21 centesimi di dollaro, meglio dei 15 centesimi previsti dal mercato.

Sul risultato hanno influito positivamente benefici fiscali per un ammontare complessivo di 702 milioni di dollari.

Il titolo, che nella mattinata di New York si è spinto in area +16%, si è mosso bene alla luce dei dati sulla raccolta pubblicitaria, in crescita del 29% (650 milioni di dollari); nel complesso, l’engagement della piattaforma, hanno fatto sapere dalla società, è aumentato del 50% nell’arco di un anno. Anche licensing dei dati, ulteriore voce di ricavo, è cresciuto del 25% (108 milioni di dollari).

A registrare un calo superiore alle attese sono stati invece gli utenti mensili attivi, scesi del 9% (a 326 milioni). Su tale numero ha pesato l’azione di controllo (e di relativa chiusura) svolta da Twitter sui profili fasulli e sospetti.

Microsoft: +19% sul fatturato. Sprint iniziale per l’anno fiscale 2019

La trimestrale del colosso dei Pc ha portato con sé una certezza: la crescita di Microsoft si conferma forte e con prospettive future brillanti. I risultati del primo trimestre dell'anno fiscale 2019 hanno rivelato un fatturato da 29,1 miliardi di dollari, in crescita del 19% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. Positivo l’utile netto, cresciuto del 34% a 8,8 miliardi di dollari; +36% è stata la variazione a rialzo registrata dall’utile per azione, a 1,14 dollari.

Tra le voci che hanno contribuito alla performance societaria si annoverano il fatturato in crescita (+14%) dei dispositivi Surface per le aziende; la voce del gaming, migliorata del 44% su base annua grazie soprattutto alle vendite relative all'hardware di Xbox e, più in generale, ai prodotti e servizi Office.

Nell’agenda di Microsoft spicca l'acquisizione di GitHub, il servizio di hosting per progetti software, che, come ricordato dal Ceo Satya Nadella, verrà definita a breve.

In una giornata positiva per l’indice Nasdaq, che cerca di recuperare il profondo rosso (-3,6%) di mercoledì, il titolo Microsoft raggiunge sul mercato il +6%.

Tra i nomi decisamente in perdita compare invece Advanced Micro Devices, che scivola a ribasso al -13% sulla scia delle previsioni di ricavi per il quarto trimestre sotto le attese.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.