ThyssenKrupp sui minimi da tre anni. Su i profitti, giù i ricavi sul peggioramento del quadro economico

Titolo Thyssenkrupp: 40% a un anno. Risultati ultimo trimestre 2018 in contrasto: ricavi pre tasse giù del 30% (296 milioni); profitti in crescita del 69% (136 milioni). Utili per azione a 0,22 euro (dato precedente a 13 cent)

Fonte: Bloomberg

ThyssenKrupp sui minimi da tre anni, in scia all’incertezza economica che ha spinto a ribasso le stime di produttività futura. Martedì il leader tedesco dell’acciaio ha annunciato un forte calo dei ricavi relativamente al trimestre conclusosi a dicembre, penalizzati dai conflitti commerciali internazionali che hanno portato ad un rialzo dei costi.

Negli ultimi tre mesi, i ricavi pre tasse sono calati del 30% circa, a 296 milioni di euro, mentre i profitti sono cresciuti del 69% a 136 milioni di euro. Nel corso dell’esercizio precedente, i guadagni di ThyssenKrupp avevano risentito degli effetti penalizzanti della riforma fiscale statunitense.

Gli utili per azione (eps) hanno rivelato una consistenza di 0,22 euro, migliore dei 13 centesimi di euro dello scorso anno.

Titolo ThyssenKrupp: calo del 40% anno su anno

A Francoforte, il titolo ThyssenKrupp ha bucato a ribasso il livello a 14 euro per azione, in calo oggi del 4,25%,. Le azioni della società siderurgica presentano variazioni negative su base mensile ed annuale, pari rispettivamente a -14% e -40%.

Positiva la variazione delle vendite nette, aumentate del 2% a 9,7 miliardi di euro grazie alla crescita degli ordini (+8% poco sopra i 10,1 miliardi).

Nel presentare i deboli risultati, ThyssenKrupp ha puntato il dito su una serie di problemi, tra cui costi di avviamento più elevati per nuovi progetti, maggiori costi dei materiali provenienti dalla Cina e tariffe penalizzanti sull’import statunitense.

ThyssenKrupp tra tensioni commerciali e aumento costi

A colpire le entrate del gigante dell’ingegneria anche volumi più bassi e costi più elevati nei progetti di lavorazione dell’acciaio a freddo (discontinued steel), legato ai bassi livelli di acqua presa dal fiume Reno e ai nuovi standard sulle emissione di CO2.

Tra le altre problematiche, la divisione di ThyssenKrupp Steel Europe (la cui redditività è calata del 25%) è attualmente sotto indagine per il presunto coinvolgimento in un cartello volto ad aumentare i prezzi.

Non da ultimo, il nuovo colosso mondiale della siderurgia, dato dalla joint venture tra ThyssenKrupp ed il gigante indiano Tata Steel, potrebbe essere a rischio, in quanto i regolatori dell’antitrust europeo potrebbero sollevare preoccupazioni in termini di minaccia alla concorrenza di settore.

Nonostante le problematiche che il gruppo si è trovato a dover affrontare e al riassetto aziendale mirato alla semplificazione della struttura (con la separazione di alcuni business non core all’interno di un’altra divisione), ThyssenKrupp ha confermato le previsioni sugli utili per l'intero anno pari ad oltre 1 miliardo di euro rispetto ai 706 milioni di euro registrati lo scorso anno, pur avvertendo delle crescenti incertezze economiche e politiche.

Per l'anno 2019, il gruppo prevede un utile netto in forte aumento rispetto ai 60 milioni di euro dello scorso esercizio.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.