Titolo FCA a rialzo sul rilancio di Fiat in Italia. Jeep punta all'ibrido

Titolo Fiat Chrysler a rialzo sul listino milanese, dopo la performance positiva di lunedì. Mercato attende le novità sul piano di produzione. Fiat torna sull'Italia; Jeep Renegade pronta alla versione hybrid; Alfa Romeo mette in moto Cassino.

Car
Fonte Bloomberg

Fiat Chrysler a rialzo dell’1% in apertura a Piazza Affari, dopo il +4% registrato nella giornata di ieri. Il titolo si attesta a metà giornata poco sotto i 15 euro per azione (a €14,85, in crescita dello 0,5%).

Il mercato ha apprezzato le indiscrezioni emerse sulla futura produzione del gruppo in Italia, sia per quanto riguarda il marchio Fiat, sia relativamente al nome Alfa Romeo. Attesa con interesse la nuova versione dei modelli Jeep, uno dei quali in versione ibrida. Non è tutto: a spingere le quotazioni anche la notizia di una possibile cessione di Comau, divisione robotica della casa d’auto, da completarsi entro i primi mesi del 2019, che farebbe seguito alla vendita recente di Magneti Marelli.

FCA: atteso il nuovo piano di produzione. Fiat rilancia l'Italia

E’ atteso per giovedì 29 novembre l’annuncio di FCA sulle novità che riguarderanno il gruppo (e gli stabilimenti) nei prossimi anni. Mike Manley e Pietro Gorlier dovrebbero in quel giorno incontrare le maggiori sigle sindacali per discutere sulla futura produzione della casa italo-americana in Italia.

Come emerso dall’ultimo piano industriale, a partire dal 2020, FCA prevede il lancio di numerosi nuovi modelli, finalizzati, tra gli altri, a rilanciare il marchio Fiat nel Bel Paese. Per porre in essere il piano, il gruppo dovrebbe affidare a Mirafiori la produzione della nuova 500 elettrica e della 500 Giardiniera. Operatori di settore starebbero inoltre aspettando la possibile conferma di produzione della nuova generazione di Fiat Panda a Pomigliano, diversamente dalle voci che anticipavano lo spostamento della filiera in Polonia.

FCA: le novità di Jeep, Alfa Romeo e Maserati

Tra le novità che FCA potrebbe render note questo giovedì, lo spostamento della produzione di Jeep Compass a Melfi, assieme a quella di Fiat 500X e Jeep Renegade. Sarà proprio Jeep Renegade il primo modello a firma Fiat Chrysler ad esser realizzato in versione ibrida a partire dal 2019. Per la nuova entry level di Jeep bisognerà invece attendere.

Agli stabilimenti di Cassino dovrebbero invece esser affidate dal 2020 due nuove Alfa Romeo, di cui una che sarà il primo esemplare di ibrido (che, non si esclude, possa essere la sportiva Alfa Romeo GTV). Nei progetti futuri, la realizzazione di un Suv Alfa di grandi dimensioni.

Infine, attesa per Maserati sulla Alfieri in versione sia coupè che Spider, la cui realizzazione potrebbe esse affidata a Modena. A tendere, non è da escludere il lancio di un modello Maserati compatto.

Secondo quanto riportato da fonti Bloomberg, dopo la recente cessione di Magneti Marelli, Fiat Chrysler Automobiles starebbe valutando l’eventuale vendita della divisione robotica, Comau, per una cifra compresa tra 1,5 miliardi e 2 miliardi di euro. La revisione strategica dell’unità sarebbe tuttora in una fase iniziale e, seppur in assenza di notizie ufficiali definitive, il gruppo potrebbe predisporre l’uscita della divisione nei primi mesi del prossimo anno.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.