TIM alle prese con la maxi svalutazione. Titolo in rosso a Piazza Affari post trimestrale

Sul listino milanese il gruppo facente capo ad Amos Genish perde oltre i sei punti percentuali. Pesa la svalutazione dell'avviamento domestico, non più sostenuta dai flussi di cassa. Il rapporto tra debito netto ed Ebitda al 2,7% non sarà rispettato. Tra le cause, la maggior concerrenza per Telecom Italia sul mercato domestico (dopo l'ingresso di Iliad).

TIM Vivendi
Fonte Bloomberg

Maxi svalutazione d’avviamento domestico da 2 miliardi di euro, non più sostenuti dai flussi di cassa. Una decisione, questa, presa, a detta del primo socio Vivendi, dal consiglio con il voto contrario dei rappresentanti francesi. E mentre tornano a suonare i campanellini d’allarme sul debito di TIM, Vivendi ha espresso il proprio disappunto riguardo ad un annuncio che piomba sui mercati a metà esercizio

Nella nota pubblicata ieri, Telecom Italia ha rivisto le attese per l’anno 2018, nonostante la buona performance dal punto di vista operativo.

Telecom Italia (TIM): il risultato dei primi nove mesi 2018

Numeri alla mano, per i primi nove mesi dell’anno i ricavi del gruppo facente capo ad Amos Genish si sono attestati a 14,2 miliardi di euro. L’utile netto ha invece toccato quota 1,2 miliardi, mentre l’Ebitda si è rivelato a 6,03 miliardi, in linea col consenso degli analisti.

Le vendite di periodo sono dimunite secondo le attese del 3,1%, a 14,22 miliardi di euro, mentre l'indebitamento finanziario a fine settembre ha toccato i 25,19 miliardi. La società ha registrato inoltre perdite nette per 800 milioni di euro.

Il gruppo ha comunicato che le stime di un debito netto per l’anno in corso a 2,7 volte circa l’Ebitda, il margine operativo lordo (al netto dei costi sostenuti dalla società per il 5G, della multa relativa al golden power, della svalutazione del real brasiliano e, in lineo generale, delle tensioni sul mercato interno) presumibilmente non verrà rispettato, riducendo la capacità della società di ripagare il suo debito.

Telecom Italia (TIM): Piazza Affari accusa il -6%

Il titolo, che venerdì ha aperto a ribasso sul listino italiano e che ha allungato le perdite oltre il -6%, ha scontato negativamente l’annuncio delle svalutazioni da 2 miliardi di euro, attribuibili alla rete fissa italiana. Il flusso di cassa e la generazione di Ebitda, secondo l’azienda, sarà infatti inferiori rispetto alle previsioni d’inizio anno a causa di un contesto competitivo più duro in Italia (dopo l’ingresso di Iliad).

Il calo della divisione core domestic, che secondo la semestrale ha un valore di carico di 4,5 miliardi, sarebbe dovuto, da un lato, al deterioramento del quadro competitivo e regolatorio; dall’altro, ai più alti tassi di interesse.

Vivendi (primo socio Telecom Italia): l'obiettivo è "tutelare gli interessi"

Vivendi, primo socio di Telecom Italia (Tim), potrebbe ora convocare un'assemblea per nominare i suoi rappresentanti in consiglio, non escludendo “alcuna iniziativa che potrebbe esser idonea a tutelare i suoi interessi”. Il gruppo francese potrebbe infatti chiamare a raccolta i soci per chiedere la revisione del consiglio La stessa ha inoltre attaccato il fondo Elliott, che avrebbe posto in essere una politica di performance a breve termine che avrebbe però deluso le promesse. Vivendi ha confermato che il consiglio non convocherà l'assemblea per la nomina del revisore.

Nonostante una svalutazione che potrebbe destabilizzare il gruppo nel prossimo futuro, dopo la pubblicazione dei risultati, Jefferies ha confermato un rating 'buy' con target a 75 cent; Bernstein, anch’essa in posizione buy, ha invece riportato un prezzo target da 80 cent.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.