Stacco dividendi: Mediobanca e Mediolanum in rosso, ma positive

Stacco di dividendi da 0,47 e 0,20 euro per azione per gruppi del credito Mediobanca e Banca Mediolanum. I titoli, in rosso sul listino milanese, registrano però movimenti a rialzo neutralizzando l'effetto distribuzione di utile. Piazza Affari positiva.

Banche Italia
Fonte Bloomberg

Data di dividendi per due nomi del credito italiani, che hanno staccato cedole da 0,47 e 0,2 euro per azione. In una giornata positiva per il listino di Milano, Mediobanca e Banca Mediolanum sono risultate in calo, con ribassi rispettivamente nell’ordine del 3,5% e 2%.

A pesare sui cali di giornata gli stacchi di cedola: Mediobanca ha disposto la corresponsione di un dividendo per l’anno 2017/2018 pari a 0,47 euro per azione, messo in pagamento il prossimo 21 novembre. L’attuale cedola supera quella corrisposta lo scorso esercizio, pari a 0,37 euro per azione.

Considerata una capitalizzazione di mercato da 6,9 miliardi e un numero di azioni in circolazione prossimo a 887 milioni, neutralizzando l’effetto del dividendo da 47 centesimi sulla performance del titolo, la quotazione di Mediobanca risulta oggi in crescita del 3%.

E’ stato invece di 0,20 euro lo stacco effettuato oggi da Banca Mediolanum (avente capitalizzazione di mercato da 3,8 miliardi), che ha distribuito il secondo acconto di dividendo per l’anno 2018, successivo a quello di 23 aprile 2018. Il pagamento è fissato al 21/11.

Nel giorno di distribuzione dell’utile, Mediolanum ha avviato le contrattazioni in territorio negativo, con un rosso sul listino milanese in parte riassorbitosi nel corso della mattinata; su base giornaliera, al netto dell’effetto utili, lo scostamento del titolo bancario è positivo, in area +2%.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.