Snam, titolo sui massimi da maggio. Dividendo 2022 al 5%

Risultati trimestrali positivi e utili in crescita del 5%. Bene i ricavi a +3,1%. Titolo sui massimi a Piazza Affari, sopra la resistenza a 3,80 euro per azione.

Snam
Fonte Bloomberg

Crescono gli investimenti, si allunga il profitto in borsa e salgono le prospettive di dividendo: i numeri presentati nella prima mattina da Snam hanno mostrato risultati positivi per la società attiva nelle infrastrutture energetiche.

Il titolo, a rialzo a Piazza Affari fin dall’apertura, è tornato sui massimi da maggio, sopra la resistenza dei 3,80 euro per azione, in area +3%.

Complessivamente, Snam ha alzato le stime di investimento al 2022 del 10%, a 5,7 miliardi. Contestualmente, l'utile netto medio annuo è atteso in crescita del 4%, arrivando a toccare nell'anno 2018 la quota di 1 miliardo.

Nei primi nove mesi del 2018 l'utile netto adjusted, al netto delle componenti straordinarie, si è attestato a 793 milioni, in salita del 5% su ricavi totali a 1,873 miliardi (+3,1%).

Una nota della società cui fa capo la maggioranza dei gasdotti italiani ha reso noto i dettagli della politica di remunerazione degli azionisti. A livello prospettico, la previsione è per un incremento annuo del dividendo del 5% al 2022; relativamente al 2018, la cedola sarà invece da 0,2263 euro per azione: il 40%, a titolo di acconto, sarà pagamento a gennaio 2019; il restante 60%, a giugno 2019.

A livello di investimenti, Snam ha previsto 4,8 miliardi a sostegno della rete di trasporto; 0,7 miliardi per lo stoccaggio e la rigassificazione; 0,2 miliardi i nuovi business legati alla transizione energetica, come biometano, mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Cospicua anche la somma annunciata dalla società per investimenti in partnership con altri operatori, alle quali saranno destinati 100 milioni di euro per la realizzazione di infrastrutture di biometano da rifiuti o scarti agricoli; utleriori 100 milioni andranno invece al settore della mobilità sostenibile.

Al terzo trimestre, l'indebitamento finanziario netto si è portato a 11.738 milioni di euro, in aumento rispetto agli 11.550 milioni del dicembre 2017

Snam si è infine esposta sul progetto di realizzazione del gasdotto Tap, di cui Snam detiene il 20%: "Il progetto è completato per più dell’80% e i lavori sul tratto italiano sono recentemente ripresi dopo la pausa estiva. Si confermano le attese di completamento dell’opera nel corso del 2020".

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.