Sinergia BMW-Microsoft sul cloud industriale. Nuove soluzioni a sostegno del settore auto

Superare lo scoglio del cambiamento con nuovi investimenti: dopo l'unione Volkswagen-Amazon, l'annuncio di sinergia tra BMW e Microsoft. Titolo della casa d'auto tedesca in crescita. Bene la guidance 2019; migliori prospettive.

Microsoft Fonte: Bloomberg

Superare l’ostacolo del cambiamento con nuovi investimenti. E’ quello che stanno facendo le big del settore Microsoft e BMW, che martedì hanno rivelato un'iniziativa volta a creare una piattaforma di produzione aperta, che stimoli l'innovazione ed acceleri lo sviluppo di business più smart.

Azioni BMW: bene il titolo a Francoforte

Nel giorno dell’annuncio della nuova sinergia il titolo BMW, la cui capitalizzazione a Francoforte tocca i 46,95 miliardi, è salito sopra quota 71.000 (+2,5%). Gli operatori di mercato hanno apprezzato la guidance lungimirante del gruppo che, potendo fare affidamento su forti numeri, rimane preoccupato circa la view di medio periodo. BMW renderà noti i propri risultati trimestrali il prossimo 7 maggio.

A partire dalla seconda metà dello scorso anno le prospettive per il settore auto sono peggiorate, alla luce delle crescenti tensioni sul fronte del commercio internazionale, del calo della domanda e delle immatricolazioni da parte della Cina, nonché delle nuove disposizioni normative volte a limitare l’emissione di gas di scarico inquinanti. In tal senso, i player d’Europa dovranno affrontare "costi significativamente più elevati" per conformarsi a norme più rigide sulle emissioni di anidride carbonica.

BMW gioca d'anticipo. Segue le orme di VW-Amazon

Lo scorso 15 marzo, BMW ha comunicato di prevedere per l’anno 2019 un leggero incremento del volume di vendite nel settore automobilistico, nonostante i "forti venti contrari" che colpiscono l'industria automobilistica. Secondo i vertici aziendali, la gran parte delle vendite dovrebbe giungere a partire dalla seconda metà dell'anno, quando la nuova Serie 3 raggiungerà la piena produzione.

Oltre a Microsoft, BMW ha avviato collaborazioni con alcuni grandi nomi del settore, tra cui Daimler AG, per scaricare parte dei costi relativi agli investimenti in veicoli elettrici, auto a guida autonoma e iniziative di mobilità condivisa.

L’alleanza BMW-Microsoft è la seconda nel suo genere, dopo che altre due big del comparto, Volkswagen ed Amazon si sono unite in una collaborazione volta a collegare i 122 impianti del gruppo automobilistico tedesco, migliorandone sistemi e processi di produzione.

BMW-Microsoft: come investire nel cloud

La nuova ricerca di sinergie cavalca la tendenza dei provider di cloud computing ad acquisire e gestire i terabyte di dati in uscita dalla rete di dispositivi connessi che costituiscono il cosiddetto Internet of Things (IoT). Microsoft, in tal senso, sta collaborando con BMW per trasmettere l'efficienza della produzione digitale in tutto il settore.

La piattaforma sarà basata sul cloud Microsoft Azure IIoT, già utilizzato da BMW. La casa tedesca dispone già di 3000 macchine, robot e sistemi di trasporto autonomi, collegati alla piattaforma IIoT su Microsoft Azure.

L’architettura di riferimento sarà basata su standard open source, un approccio volto ad incoraggiare l'ingresso di altri partner. In una nota rilasciata da Microsoft, il colosso dell’informatica ha affermato che l'obiettivo è quello di arrivare a 4-6 partner entro la fine del 2019.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.