Settore del lusso nel mirino: quanto pesa il rischio Cina?

La volatilità sul comparto del lusso si è fatta largo dopo i rumors che talune autorità aeroportuali stanno iniziando ad applicare tariffe doganali più elevate sulle merci comprate all’estero.

Beijing
Fonte Bloomberg

La guerra commerciale non modificherà i gusti della Cina d’alto rango, che continuerà a scegliere una Gucci o un Cartier anche maggiorati dei dazi commerciali. Gli effetti delle limitazioni sugli scambi internazionali, a tendere, potrebbero però penalizzare le realtà più aperte al commercio e alla produzione estera e, di rimando, i rispettivi mercati e chi in essi investe.

Moncler: pesa la paura di una Pechino più debole

Un esempio pratico è giunto in settimana da una firma del vestiario mondiale: nella giornata di giovedì 4 ottobre, Moncler ha chiuso con un pesante ribasso del 5,6%, allineandosi agli altri titoli del lusso, che hanno risentito dei timori di un rallentamento in Cina. Tra questi, Kering (-6,03%), LVMH (-3,82%) e Burberry (-4,6%), Brunello Cucinelli (-2,4%) e Salvatore Ferragamo (-0,83%). Le quotazioni dell'azienda tessile, specializzata nell'abbigliamento invernale, hanno rapidamente raggiunto un primo supporto a 37 euro per azione, facendo tremare il livello statico a 36,50, dirigendosi poi verso area 36 euro.

La volatilità sul comparto del lusso si è fatta largo dopo che alcuni rumors comparsi sui social ad oriente hanno fatto luce sul fatto che talune autorità aeroportuali stanno iniziando ad applicare tariffe doganali più elevate sulle merci comprate all’estero.

Dazi: effetti negativi a tendere. Ma il Dragone ama il lusso

Questo, si inserisce all’interno di un quadro già teso: l'ultima tranche di dazi sui beni cinesi da 200 miliardi di dollari riguarda pelli di visone, borse di rettile, accessori in pellame, seta, pizzi fatti a mano, foglia d'oro e tessuti ricercati usati per costumi teatrali, d’opera e del balletto. I prodotti coinvolti sono circa 5.000, assoggettati da settembre ad una tariffa del 10%, che aumenterà al 25% a gennaio.

Un clima di tensione generalizzata non è certo favorevole all’acquisto: sebbene taluni temano che questo possa influenzare gli acquirenti più benestanti, da Pechino alla Fifth Avenue, l'acquirente di lusso ha comunque maggiore margine per somatizzare un sovrapprezzo da tariffe (che colpisce il prodotto finito o la materia prima a monte), che diverrà però consistente quando i dazi saliranno al 25%.

Cina: pesa un terzo del mercato del lusso mondiale

Col prosieguo delle tensioni commerciali, nei prossimi trimestri, l’economia del Dragone potrebbe attraversare una fase di rallentamento, almeno sul più breve termine. Gli acquirenti cinesi pesavano ad inizio 2018 attorno al 31% della domanda mondiale di beni di lusso, spendendo, secondo i dati della società di consulenta McKinsey, oltre 7 miliardi di dollari ogni anno, un terzo del mercato mondiale. Kering, proprietario di Gucci ed Alexander McQueen, ha dichiarato che le vendite in Cina sono salite del 30% nella prima metà del 2018. La casa di moda francese Hermes, il marchio del lusso più popolare nella regione orientale, ha registrato profitti record nello stesso periodo.

Secondo le analisi della banca svizzera UBS, due terzi della spesa cinese per beni di lusso avviene all'estero, un dato in forte espansione, che ha contribuito a riportare in auge il comparto luxury europeo.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.