Settore auto sotto i riflettori: Trump alla regia. Azioni in calo. Volkswagen: -2%

Attesi oggi i colloqui informali coi Ceo di Volkswagen, Bmw e Daimler alla Casa Bianca. Discussioni sulla questione dazi al settore auto, specie dopo la tregia siglata da Cina e Stati Uniti. Male i dati sulle immatricolazioni europee. Pesano le nuove regole sulle emissioni.

volkswagen auto
Fonte Bloomberg

Lunedì 3/12, Donald J. Trump su Twitter post G20: Pechino rimuoverà i dazi cinesi dalle auto americane.

Martedì 4/12, Donald J. Trump a Washington per colloqui informali coi Ceo di Volkswagen, Bmw e Daimler. Si discute dei dazi americani sulle auto europee. Le tre case riversano tutte in territorio negativo, con perdite rispettivamente tra il -1,5% e il -2%.

Il settore auto torna oggi al centro della scena, dopo un rally d’inizio settimana successivo all’annuncio della tregua commerciale tra l’economia del Dragone e lo Zio Sam.

Mentre Italia e Germania si trovano a fare i conti con un ammontare di immatricolazioni annue in calo (rispettivamente a -6,3% e -10%), l’amministrazione Trump continua a studiare quanto l’import di vetture prodotte al di fuori dei confini americani possa essere una minaccia per la sicurezza nazionale. Già in passato lo stesso presidente aveva giocato la carta della "minaccia agli Stati Uniti" per giustificare azioni protezionistiche ed imporre dazi su acciaio ed alluminio.

Secondo quanto riportato da Larry Kudlow, consigliere economico del Tycoon americano, il governo starebbe inoltre analizzando le dinamiche dei sussidi elargiti dall’ex amministrazione Obama al comparto auto. Secondo Kudlow, azioni quali la rimozione degli aiuti statali a General Motors (invisa al Presidente dopo aver annunciato la chiusura di cinque stabilimenti storici del gruppo), non sarebbero legalmente possibili.

Il mercato europeo dell'auto ha registrato una decisiva flessione negli ultimi mesi, anche a causa della nuova procedura europea sulle omologazioni (Wltp), che ha introdotto test più severi sulle emissioni, cogliendo alla sprovvista alcune grandi player del settore.

Variazioni negative di giornata sono state registrate anche da Fiat Chrysler le cui immatricolazioni su base annua sono calate del 9,8%, con una quota di mercato scesa dal 27 al 24,3%.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.