Salini Impregilo - Astaldi: si valuta la possibile integrazione

Le società valutano l'opzione di una integrazione tra le attività del settore costruzioni. Astaldi valuta una proroga di 60 giorni per la presentazione del piano di salvataggio. Titoli positivi a Piazza Affari.

Construction
Fonte Bloomberg

Da un lato, Salini Impregilo, che avrebbe interesse a rilevare gli assets del comparto costruzioni di Astaldi.

Dall’altro, Astaldi, che starebbe valutando una proroga dei termini per la presentazione del piano di salvataggio.

Due notizie, queste, recepite positivamente da Piazza Affari, che ha risposto con rialzi importanti, nell’ordine del 2% per la prima e del 28% per la seconda.

Salini Impregilo: focus sul comparto costruzioni

Salini Impregilo SpA ha starebbe valutando l’idea di rilevare alcune attività del settore costruzioni di Astaldi, col fine di arrivare ad una potenziale integrazione dei due modelli industriali. La manifestazione di interesse sarebbe ad ora "preliminare e non vincolante".

In un periodo non facile per il settore delle costruzioni, da inizio 2018 Salini Impregilo ha registrato un incremento di nuovi ordini, acquisiti ed accordi in corso di finalizzazione, per un totale di 4,9 miliardi di euro, provenienti per più del 70% Stati Uniti e Francia. "A partire dal mese di agosto” si legge in una nota del gruppo, “il trend dei nuovi ordini è risultato in forte accelerazione rispetto ad un primo semestre relativamente più contenuto".

Il titolo, su livelli ancora contenuti, è tornato in mattinata al di sopra della soglia di 1,90 euro per azione, dopo il calo di mercoledì che aveva riportato i prezzi al test di area 1,80.

Astaldi: il piano di salvataggio può attendere

Astaldi SpA, dal canto suo, sta invece attraversando una fase delicata. Entro metà dicembre il gruppo dovrà infatti presentare un piano di salvataggio nell’ambito della procedura di concordato, accolta dal Tribunale fallimentare di Roma lo scorso 17 ottobre. L'interesse di Salini Impregilo per gli asset dell’azienda romana, finalizzata ad una loro eventuale integrazione, dovrà essere "coerente con gli obiettivi di disciplina finanziaria".

Secondo alcuni rumors provenienti da fonti vicine al dossier Astaldi, la società starebbe valutando la possibilità di chiedere una proroga di 60 giorni per la presentazione al tribunale di Roma del piano di salvataggio nell'ambito della procedura di concordato. La scadenza, ad ora, è fissata a metà dicembre.

Nonostante l’attuale stato di crisi, la società avrebbe all’attivo un portafoglio di ordini pari a circa 10 miliardi; l'Italia, in tale contesto, peserebbe il 40% del totale. Il titolo, in crescita oggi del 28%, si sta riavvicinando al livello a 0,60 euro per azione. Da inizio anno, il titolo ha perso oltre il 90% del proprio valore.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.