Procter & Gamble e PayPal protagoniste a Wall Street

Le trimestrali Usa trascinano ancora i listini, mentre già si attendono i dati della prossima settimana. Sul mercato bene anche American Express. Tra le big in attesa di pubblicazione, Caterpillar, Microsoft, Coca Cola ed Amazon

Wall Street
Fonte Bloomberg

Trimestre ampiamente positivo per Procter & Gamble che, assieme ad American Express e PayPall, pongono a rialzo l’asticella sul fronte consumer.

Procter & Gamble Gamble rilascia i risultati del penultimo trimestre e il listino americano reagiscecon un apprezzamento del titolo fino all’8%. Il gruppo ha presentato utili per azione del terzo periodo superiori alle attese a 1,12 dollari per azione (contro $1,10) e ricavi in crescita a 16,69 miliardi (contro $16,49 miliardi previsti). La società ha riconfermato i propri obiettivi per l'intero anno.

American Express registra ora sul mercato un rialzo del 3,6%, dopo che la società ha dichiarato un utile trimestrale più alto delle attese a 1,88 dollari per azione; gli analisti si attendevano un eps a 1,76 dollari. Positivi anche i ricavi, a 10,14 miliardi (contro 10,06 miliardi previsti).

Incrementi rilevanti anche per Honeywell, che ha registrato in apertura di mercato un rialzo del 2,94% a fronte di un risultato trimestrale migliore delle aspettative; il gruppo ha anche alzato le previsioni per l'intero anno su flussi di cassa e margini aziendali.

Bersaglio dei ricavi colpito e stime sull’utile trimestrale affondate anche per PayPal. E il titolo schizza a +9,6%. PayPal ha annunciato un utile trimestrale del terzo periodo in leggero aumento rispetto alle stime degli analisti, con un 0,58 dollari per azione contro il consenso a 0,54 dollari. In linea con le attese i ricavi, a 3,68 miliardi (contro 3,67 miliardi). A pesare positivamente sul titolo è stato il rialzo delle prospettive di utile per l’intero anno, passate da 2,38 a 2,40 dollari.

Calendario delle trimestrali USA per la settimana 22 – 26 ottobre

Lunedì 22 annunceranno al mercato i propri risultati trimestrali, tra gli altri, Ryanair e Hasbro.

Martedì 23 giornata piena, con i numeri di Caterpillar, Harley Davidson, McDonald’s e Blackstone.

Mercoledì 24 sarà la volta di Barclays, Vale, AT&T, trivago, Hilton, Boeing, Morningstar, Visa, Goldcorp, Ford e Microsoft.

Giovedì 25 la lista si allunga, con nomi di rilievo quali Lloyds, UBS, Canon, Whirpool, Coca Cola, Aluminium Corp, CME Group, Valero, Newmont, Twitter, American Airlines, Bancorp, Expedia, Alphabet, Snap, Amazon.

Venerdì 26 in calendario vi sono Bancorp, Moody’s e Phillips.

Calendario degli utili sul mercato italiano e tedesco

Lunedì 22 presenteranno i propri dati Luxottica e Sogefi.

Martedì 23 sarà la volta di Danieli & C Officine Meccaniche.

Mercoledì 24 attesa per i numeri di Saipem, STMicroelectronics, Moncler e Beni Stabili. In Germania l’attenzione sarà alta su Deutsche Bank e Barrik Gold Corp.

Giovedì 25 presenterà i propri dati al mercato Mediobanca. Per Francoforte sarà invece il giorno di Nokia e Daimler.

Venerdì 26 vi saranno infine le trimestrali di Eni.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.