Prezzo azioni Pirelli: 5 cose da tenere a mente sul gruppo degli pneumatici

Trimestrale Pirelli oggi a mercati chiusi. Attesi ricavi stabili ed ebitda in crescita dell'8,4%. A rialzo l'indebitamento, stimato ad un +43%. Confermata la presenza del gruppo in Brasile: piano d'investimenti da 120 milioni.

Piazza Affari Fonte: Bloomberg

Azioni Pirelli & C. in ripresa dopo il rosso di ieri e a poche della pubblicazione dei risultati trimestrali. A travolgere le quotazioni del gruppo di pneumatici sono stati i timori di un’escalation della guerra commerciale Stati Uniti-Cina, che dopo mesi di colloqui commerciali hanno ripreso a farsi battaglia a suon di dazi a rialzo, lasciando però ufficialmente aperte le porte ad un possibile accordo.

Pirelli conferma la presenza in Brasile

Dietro al rialzo odierno oltre il punto percentuale, la conferma della propria presenza strategica in Brasile attraverso un piano di riorganizzazione della struttura produttiva, che permetterà di migliorare la competitività dei siti produttivi nel Paese, inseriti in un difficile scenario congiunturale. Nel piano d’investimenti 2019-2021 da 120 milioni di euro rivelato oggi da Pirelli si prevede l’ammodernamento e la riconversione da standard ad high value degli impianti in loco, da aggiungere ai 320 milioni già impiegati nel periodo 2013-2018.

Pirelli, le stime di ricavo e utile

Secondo le stime di consensus, i ricavi del gruppo italo-cinese relative al trimestre 2019 conclusosi lo scorso 31 marzo dovrebbero mostrarsi stabili a 1,312 miliardi di euro, un Ebitda adjusted ante costi di start-up in crescita a dell’8,4% a 323 milioni ed un risultato netto da attività correnti pari a 98 milioni (sui precedenti 92 milioni).

Infine, gli investimenti dovrebbero raddoppiare a 100 milioni, in linea con le aspettative espresse da Mediobanca Securities, mentre l’indebitamento netto dovrebbe registrare un incremento del 43% rispetto alla fine del 2018, a 4,391 miliardi (3,905 escludendo gli impatti dell'applicazione dell'Ifrs, quantificabili in circa 500 milioni); di tale cifra, 759 milioni dovrebbero legarsi all’assorbimento di free cash flow legato all'attività operativa, che riflette a sua volta una stagionalità tipica di settore.

Pirelli e Cina: questione di business

Sempre secondo l’opinione di Mediobanca, i risultati di Pirelli non dovrebbero subire eccessive ripercussioni date dall’attuale contesto macro di mercato non semplice, complicato dal rallentamento della crescita economica e penalizzato dalle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, prime due maggiori economie al mondo. La quota di maggioranza di Pirelli è oggi in mano a ChemChina, mentre le quote di minoranza sono divise fra alcune società russe che fanno riferimento al gruppo petrolifero Rosneft e i soci italiani legati a Marco Tronchetti Provera.

Pirelli: previsioni sull'esercizio 2019

Prendendo in considerazione sia l'impatto del credito fiscale annunciato a marzo (pari a 107 milioni), sia l'adozione dell'Ifrs16, gli analisti di Mediobanca hanno confermato lo scorso 24 aprile un target price su Pirelli da 7 euro per azione (rispetto a valori correnti di mercato in area 6,44 euro, sopra dell’11,5% rispetto al prezzo odierno), con rating outperform. In tale sede, gli esperti di Pirelli avevano rilevato come un multiplo enterprise value/ebitda 2019 pari a 7,1 volte risultasse inferiore alle 8,7 volte di Nokian, ma superiore alle 5,9 volte di Michelin.

Rispetto alla guidance 2019 l'adozione del principio contabile Ifrs16 dovrebbe complessivamente avere impatto positivo sull'ebitda da 90 milioni di euro (+7%), senza influenzare l'ebit adjusted quest'anno è previsto a 1,03 miliardi. Grazie all'impatto del credito d'imposta (quantificabile in 55 milioni di euro per il solo mercato brasiliani), l’utile netto annuo di Pirelli dovrebbe salire del 19%, a 605 milioni di euro, oltre il consenso del 15% superiore a quella del consenso.

Azioni Pirelli: raccomandazioni e target price

Secondo gli analisti censiti dalla piattaforma Reuters, 7 operatori su 16 prediligono un posizionamento di tipo hold, mantenere, con 8 indicazioni di buy, 3 delle quali strong buy. Un solo giudizio si colloca invece sul fronte della vendita.

A giocare a favore del titolo Pirelli è inoltre la media delle indicazioni di prezzo, con un target price a 7 euro per azione, al pari del valore mediano ed in linea alla rilevazione delle scorso mese, nonostante una performance a 30 giorni del 12,8% che ha riportato il titolo in area 5,60-5,70 euro. Alphavalue ha aggiustato la scorsa settimana il proprio livello target, confermando una soglia di prezzo poco sotto i 7 euro per azione.

Tra gli appuntamenti in agenda, il prossimo 20 maggio Pirelli staccherà un dividendo annuale da 0,177 euro per azione, con pagamento a due giorni.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.