Prezzo azioni Eni: 5 cose da sapere sul primo gruppo energetico italiano

Eni positiva a Piazza Affari spinta dal rialzo delle quotazioni del petrolio e in attesa dei risultati trimestrali di domani. Bene i conti della controllata Saipem: confermata la guidance 2019. Prezzo del petrolio sui massimi 2019

Petrolio Fonte: Bloomberg

Movimenti sopra al 2% per Eni, che riapre dopo le festività di Pasqua a quota 15,50 euro per azione. Il rialzo del titolo fa seguito anzitutto alla forza delle quotazioni del petrolio, sui massimi da 6 mesi sull’annuncio che gli Stati Uniti non rinnoveranno l’esenzione sulle sanzioni per gli otto Paesi importatori di petrolio iraniano concesse da Washington lo scorso novembre. Tra queste, l’Italia, che nel corso degli ultimi mesi ha però limitato fino ad azzerare gli ingressi di greggio da Teheran.

Eni su Iran, Venezuela e Libia

Il gruppo petrolifero, primo in Italia e decimo tra le società di settore quotate più grandi al mondo, rilascerà domani i risultati relativi al primo trimestre 2019. Nelle scorse ore Eni ha confermato di non essere presente sul mercato iraniano e di non aver mai fatto ricorso al petrolio del Paese durante il periodo di esenzione accordato dagli Stati Uniti.

Oltre che a Tehran, il movimento a rialzo delle quotazioni del greggio si lega al taglio della produzione di petrolio deliberata a dicembre 2018 dall’organizzazione mondiale dei principali produttori di petrolio (Opec) assieme con la Russia, nonché alle tensioni politico-economiche che hanno rallentato l’attività produttiva in Venezuela e Libia. Proprio con la Libia il cane a sei zampe potrebbe avere qualche problema: il 70% circa della produzione di Tripoli è infatti in mano a Eni, seguita da Gazprom e Total.

Eni su Bahrein, Emirati Arabi ed Oman

Per giocare d’anticipo sui possibili ostacoli che il gruppo si troverà a fronteggiare nei periodi a venire, Eni sta orientando sempre più il proprio business negli Emirati Arabi, in Oman e in Bahrein. In tal senso, Tatweer Petroleum, compagnia petrolifera pubblica del Bahrein, ha reso nota ieri l’intenzione di siglare entro le prossime due settimane un accordo con Eni per l'esplorazione e lo sviluppo di un sito produttivo off-shore nel Paese. Non solo: Eni avrebbe inoltre stretto un’alleanza con Fincantieri, Terna e Cassa Depositi e Prestiti per sviluppare nuove tecnologie per la produzione di energia da moto ondoso.

Conti Saipem prima di Eni

In attesa dei risultati trimestrali, Eni concentra l’attenzione sui risultati della sua controllata, Saipem, che giovedì scorso ha confermato la guidance 2019, nonostante sul mercato manchino ancora netti segnali di ripresa. Saipem ha riportato una crescita dell’utile adjusted nei primi tre mesi pari al 28% (a 274 milioni di euro) grazie alla divisione core Engineering & Construction. Bene anche i ricavi, aumentati del 12,6% a 2,16 miliardi di euro oltre il consensus di mercato (a 2,06 miliardi).

Il titolo Saipem quota oggi a Piazza Affari in crescita del 3,5% circa.

Azioni Eni: raccomandazioni e target price

A partire da inizio anno e rispetto ai prezzi correnti, le azioni Eni hanno registrato una performance del +15%, in linea col movimento del greggio, le cui quotazioni hanno recuperato part delle perdite dell’ultimo trimestre 2018 con un +45%.

In base alle raccomandazioni della piattaforma Reuters, attualmente il 38% degli analisti propende per una posizione strong buy sul titolo, seguito dal 31% di indicazioni buy. Il 23% della piazza guarda ad Eni in un’ottica hold, mantenere, mentre l’8% propende per il sell. Nessuno ha espresso giudizio strong sell.

Nel corso dell’ultimo bimestre anche i target price sul cane a sei zampe sono cresciuti, con un valore mediano delle valutazioni passato da 18 euro per azione, ai successivi 18,15 e 18,30 (in linea col prezzo obiettivo espresso a marzo da Berenberg). Più generosa la stima di SocGen, che ha indicato a fabbraio il livello di 18,50, seguita da Credit Suisse (Europe) che lo scorso mese ha fissato il target di Eni a 20,50 euro.

Conti Eni: previsioni e dati al dicembre 2018

Eni ha chiuso il 2018 con ricavi caratteristici attorno ai 75,8 miliardi di euro, in crescita del 13% rispetto all’anno precedente. L'utile operativo si è fermato a 10 miliardi di euro, oltre gli 8 miliardi di fine 2017, mentre l'utile aggiustato ha toccato i 4,59 miliardi (+93% rispetto all'esercizio pregresso). A livello di utile per azione, l’eps di Eni aggiustato all’ultimo trimestre si è portato a 0,68 (0,43 nel periodo conclusosi a settembre). Le attese indicano un eps per il primo quarter 2019 a 0,33, con ricavi previsti a 15,26 miliardi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.