Piazza Affari: brilla il settore bancario. Continua il rialzo del titolo Unicredit

Titoli del comparto bancario spinti dalle indiscrezioni di Benoit Coeure di una possibile nuova asta Tltro Bce. Sull'indice FTSE Mib Unicredit segna oltre il +2,5% spinto dal rialzo del target price di Goldman Sachs (18,2 euro).

Fonte: Bloomberg

Giornata positiva per il settore bancario italiano, che beneficia di una politica monetaria più incline a ritornare ad un approccio da colomba. Secondo quanto reso noto dal membro della Bce, Benoit Coeure, a fronte del rallentamento economico che ha interessato non solo la zona euro ma l’intera economia mondiale, il direttivo Bce potrebbe varare una nuova operazione Tltro (Targeted Longer-Term Refinancing Operations) a sostegno del mercato interno.

Azioni Intesa Sanpaolo

La prospettiva di liquidità fresca ha spinto l’indice settoriale FTSE Italia Banks a guadagnare oltre il punto e mezzo percentuale. Sul listino di Milano, Unicredit registra una delle migliori performance, in crescita del 2,5%, seguito dal +1,5% di Ubi Banca e dal +1,4% di Banco Bpm; positiva ma inferiore la variazione di Intesa Sanpaolo, a +1% circa.

Il gruppo torinese sotto la guida di Carlo Messina ha recepito nelle scorse ore la notizia che alla presidenza di Fondazione Cariplo (azionista con il 4,68% di Intesa, attualmente sotto Giuseppe Guzzetti) saranno nominati Ferruccio de Bortoli, Andrea Sironi e Mauro Magatti, uno nella veste di presidente, due in quella di vice. A chi spetterà quale ruolo è ancora da definirsi. Il titolo Intesa quota oggi attorno al livello di 2,07 euro per azione, ancora lontano dall’importante resistenza a 2,10 euro che manca ormai sul mercato da dicembre2018.

Azioni Unicredit

Tra i titoli di giornata più acquistati, Unicredit brilla nel segno del +2,5%. Il gruppo, tra i migliori dell’ultima turnata di conti trimestrali, ha superato in mattinata il livello a 11,50 euro per azione, sui massimi da 49 sedute. A spingere le quotazioni lunedì è stato il giudizio positivo rilasciato da Goldman Sachs, che ha incrementato il prezzo obiettivo a 18,2 euro per azione, contro i precedenti 17,9 euro. Tale decisione contrasta con l'opinoine degli analisti di Jefferies, che hanno tagliato il target di Unicredit, da 16 a 15 euro, rifacendosi ad un contesto bancario italiano ancora incerto.

Azioni Ubi Banca

Apertura di settimana positiva anche per Ubi Banca, dopo l’extra performance dello scorso venerdì, che ha determinato un guadagno per il gruppo del 6% grazie a utili del primo trimestre che hanno battuto le previsioni degli analisti (0,19 euro per azione contro attese a 0,03). Il titolo, al momento su livello dei 2,35 euro, si muove oggi sui massimi da 13 sessioni. Riferendosi al comparto bancario nel suo insieme, l’AD del gruppo, Victor Massiah, ha ribadito che a livello settoriale " ci sarà un'ulteriore concentrazione e noi” ha aggiunto lo stesso, “non staremo a guardare".

Dal canto suo, il patron di Bper banca, Alessandro Vandelli, ha escluso alcun tipo di interesse ad una partecipazione in Carige, che ha smentito le voci di una fuga dei depositi nel periodo compreso tra il 23 dicembre 2018 e l'8 gennaio 2019.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.