Chi scende e chi sale: sprofonda Salini Impregilo, bene il titolo Astaldi

Apertura poco sotto 1,70 euro per azione per Salini, sceso poi sotto al livello 1,50 euro. Pesa la pronuncia dell'authority del Canale di Panama relativa alla condanna dei costruttori al rimborso di 848 milioni di dollari. Bene Astaldi, che beneficia proroga di 60 giorni per la presentazione del piano di concordato d'uscita dallo stato di crisi

Piazza Affari
Fonte: Bloomberg

Salini Impregilo in profondo rosso, dopo che l'authority del Canale di Panama ha comunicato la condanna al rimborso di 848 milioni di dollari gravante sul consorzio di costruttori che sta lavorando all'espansione della via d'acqua. Capofila del consorzio, la stessa Salini, affiancata dalla spagnola Sacyr.

Con ribassi di giornata tra il 12% e il 13%, il gruppo sconta così la decisione del tribunale di Miami che ha contestato gli eccessi di spesa per la realizzazione di un gruppo di chiuse (il terzo della regione), ultimate nel 2016.

Dopo un’apertura di giornata poco sotto area 1,70 euro per azione, il titolo è poi sceso al di sotto dei livelli a 1,60 e 1,50, verso quota 1,45.

A muoversi in direzione opposta è invece Astaldi, che dopo aver toccato un rialzo del 7% circa (a quota 0,60 euro per azione) ha poi ridimensionato la propria performance poco sotto i due punti percentuali. Il gruppo delle costruzioni ha infatti beneficiato della richiesta di proroga di 60 giorni per presentare il piano di concordato per uscire dall’attuale stato di crisi; la società starebbe infatti discutendo le offerte non vincolanti fatte da Salini-Impregilo e dal gruppo giapponese, IHI.

La proposta di Salini prevede la separazione (e la successiva rilevazione) delle attività non di concessione di Astaldi in una newco. Il piano contempla inoltre l’accollo del debito. Secondo alcuni rumors trapelati nelle ultime ore, la proposta di Salini vedrebbe anche il coinvolgimento di Cassa depositi e prestiti e delle altre banche creditrici.

Di contro, la proposta del gruppo giapponese, già entrato in Astaldi prima che il gruppo dichiarasse lo stato di crisi, contempla un iniziale aumento di capitale da 600 milioni, coperto per la metà dalla stessa IHI, per l’altra parte da un consorzio di garanzia. A ricapitalizzazione avvenuta, la società nipponica diverebbe il primo azionista di Astaldi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.