Juventus sconfitta in Champions League e a Piazza Affari: 5 cosa da sapere

Juventus fuori dalla competizione UEFA Champions League. Crolla il titolo a Piazza Affari: perdite fino al 23%. Sotto la lente il problema del debito, i mancati incassi e la questione CR7 bond. Conti trimestrali il 14 maggio.

Palloni da calcio Fonte: Bloomberg

Juventus fuori dalla competizione UEFA Champions League. E il titolo sprofonda a Piazza Affari: in apertura di contrattazioni le azioni bianconere non fanno prezzo, con un ribasso teorico del 22%. Dopo un’apertura in calo del 21% (con un picco minimo oltre il -23% in area 1,27-1,30 euro per azione), le azioni bianconere hanno subito una doppia sospensione, riprendendo quindi gli scambi a 1,35-1,37 euro, in calo del 18,5%. Opposta la reazione del titolo olandese: ad Amsterdam il football team Ajax ha avviato la seduta in area +10%, ridimensionandosi quindi a +8,5%.

Juventus: la questione mancati incassi

Oltre al risultato in sé (due a uno per l’Ajax, che a Torino si è aggiudicato un posto in semifinale di Champions League), a pesare su Juventus è ora una doppia considerazione: la prima, relativa al mancato incasso legato al passaggio del turno; la seconda, in merito alla mole di debito che il club bianconero si porta appresso.

Coi quarti di finale di Champions, Juventus porta a casa circa 95 milioni di euro, somma dei premi corrisposti dalla UEFA per il passaggio dei turni. L’approdo in finale avrebbe portato al club bianconero altri 30 milioni, cui si sarebbe eventualmente seguito il premio da 4 milioni corrisposto al solo vincitore della competizione.

A tale cifra vanno poi ad aggiungersi i ricavi da botteghino: nella sola serata di ieri all’Allianz forum, Juventus ha incassato 5 milioni di euro esclusi i servizi di hospitality, cifra che facilmente sarebbe stata raggiunta e replicata nel caso di qualificazione alle semifinali.

Juventus e CR7: dietro al lancio del Ronaldo Bond

Potenzialmente, a conti fatti, i mancati incassi per Juventus ammontano oggi a 40 milioni di euro, cifra importante alla luce del debito societario in bilancio.

La decisione di lanciare il cosiddetto Ronaldo Bond, l’emissione obbligazionaria da 175 milioni di euro, nasce non solo dalla ricerca di nuova liquidità (da impiegare nella prossima stagione di calciomercato), ma anche dalla necessità per la società di riscadenzare il proprio debito.

Juventus, il bilancio: quanto pesa il debito

Nel bilancio 2018 erano presenti 502,5 milioni di euro in linee di credito bancarie, 226 milioni delle quali revocabili. Tra i finanziamenti i essere, 37 milioni si legano al credito sportivo per la costruzione dello Juventus Stadium.

Complessivamente, il debito finanziario netto di Juventus al 31 dicembre ha toccato quota 384,3 milioni di euro, in crescita di 74,5 milioni rispetto al precedente anno, parte dei quali imputabili all costo d’acquisto di Cristiano Ronaldo, ad un prezzo di circa 115 milioni di euro, stipendio escluso (stimato attorno ai 31 milioni netti a stagione, per un periodo quadriennale).

Juventus: sponsor: Adidas. Allenatore: Allegri

Non è tutto: da quanto appreso dalla relazione semestrale sul periodo luglio-dicembre 2018, la società ha dichiarato un calo dell’utile netto dell’82,7%, da 43,3 milioni di euro nel medesimo periodo 2017, a circa 7,5 milioni.

Tra le poste positive di cui il club potrà beneficiare nel primo semestre 2019 compare il bonus di Adidas per la sponsorizzazione della maglia (15 milioni di euro); sul bilancio annuale peseranno invece alcune plusvalenze dovute anzitutto alla cessione di giocatori (per un monte totale di 36,8 milioni).

A seguito della vittoria, l’allenatore del team, Massimiliano Allegri, ha confermato la sua permanenza in Juventus “Ne ho già parlato con Agnelli”.

Juventus: appuntamenti in agenda

In agenda, ora, resta solo l’annuncio della vittoria del campionato italiano di serie A, l’8° consecutivo per Juventus, 35esimo della sua storia.

Juventus presenterà i propri risultati trimestrali il prossimo 14 maggio.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.