JP Morgan, conti da record: Wall Street in pieno clima trimestrali

Inizio col botto per la stagione di trimestrali Usa. JP Morgan: record ricavi e utili netti. Soffrono solo ricavi da trading. Settore corporate & Investment banking risente del calo di fine 2018. JP Morgan sopra il 3,5% a New York

JP Morgan Chase Fonte: Bloomberg

Avvio col botto per le trimestrali di Wall Street, dove a scatenare le danze sono stati i risultati di JP Morgan. Risultati, questi, che non solo confermano la bontà del piano strategico seguito dalla banca, ma che fanno anche rientrare parte di quei timori sorti dopo il passo indietro sul rialzo dei tassi della Federal Reserve americana, che aveva fatto temere un rallentamento più brusco dell’economia a stelle e strisce.

A New York il titolo JP Morgan ha avviato gli scambi in territorio più che positivo, sopra il 3,3%, allungando quindi i rialzi alla volta del 4% (area 110,50 dollari per azione).

JP Morgan: conti oltre le attese. Record di utili

"Nel primo trimestre 2019 abbiamo registrato utili netti e ricavi record, una buona performance in tutte le principali divisioni, all'interno di un ambiente più costruttivo": ha commentato così Jamie Dimon, Ceo della banca, appena dopo la pubblicazione dei risultati.

Il colosso della finanza statunitense, la prima della federazione, ha concluso il primo trimestre dell’anno con un utile netto in crescita del 5%, a 9,18 miliardi di dollari, pari a 2,65 dollari per azione (ben oltre i 2,35 dollari previsti dagli analisti).

Anche la voce delle entrate ha superato le attese: JP Morgan ha registrato un fatturato trimestrale d’inizio 2019 da 29,12 miliardi di dollari, contro stime a $28,44 e lungi dai 27,91 miliardi toccati nello stesso periodo dello scorso anno.

Tra le poche voci in calo mostrate dall’analisi specifica, i ricavi da trading, scesi del 17% rispetto al 2018. Poco entusiasmo anche a proposito della divisione Corporate & Investment Banking, che ha attraversato "un avvio d'anno più debole delle attese" i cui profitti sono calati del 18%, a 3,25 miliardi di dollari anche a fronte delle difficoltà attraversato dal settore nella seconda parte del 2018. Numeri a doppia cifra, invece, per la divisione retail, ove l'utile è salito del 19%, a 3,96 miliardi di dollari.

Da ultimi il Return on Equity della banca si è spinto al 16%, mentre i costi operativi complessivi sono divenuti più grevi del 2% anno su anno (a 16,4 miliardi di dollari). Ciò non impatterà sulle strategie dei vertici dell’istituto,a investir che continueranno ad investire in tecnologia e, seppur possa sembrare anacronistico, in nuove filiali.

Trimestrali a Wall Street: appuntamenti in agenda

Oltre a JP Morgan, oggi è stato anche il giorno di Wells Fargo, che ha presentato risultati buoni e sopra le attese, con un tuile netto da 5,9 miliardi di dollari a 1,2 dollari per azione ($0,96 lo scorso anno). Leggermente in calo, invece, i ricavi, che hanno raggiunto quota 21,6 miliardi di dollari, contro i $21,9 del 2018, battendo le aspettative della piazza a 20,9 miliardi.

Guardando ai futuri appuntamenti in agenda, lunedì 15 sarà Citigroup a rivelare i suoi dati assieme con Goldman Sachs, seguite martedì 16 da Bank of America. Mercoledì 17 occhi puntati sui numeri di Morgan Stanley.

 

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.