Huawei sotto l'accusa Usa. Apple taglia le assunzioni. Guerra tech: chi vince?

Guerra tecnologica: gli Stati Uniti vietano la vendita di chip americani alla Cina. Huawei accusata di furto segreti commerciali. Apple taglia le assunzioni: pesa il calo di vendite smartphone (iPhone)

Fonte: Bloomberg

Nuove tensioni sul fronte tecnologico. Protagonisti della vicenda, ancora una volta, Stati Uniti e Cina, ed una guerra commerciale che torna a calcare la mano sul settore ad entrambi più caro.

Guerra commerciale: limite ai chip Usa. Huawei sotto attacco

A preoccupare gli operatori di mercato in mattinata è stata la notizia di alcuni legislatori statunitensi che hanno vietato la vendita di chip americani al Dragone e ad altre società cinesi non direttamente locate nella regione. Obiettivo della disposizione è limitare la possibilità che la Cina, sfruttando l’innovazione e la creatività a stelle e strisce, possa consolidare la propria presenza sul mercato globale con prodotti in competizione con quelli americani.

Non solo: il Wall Street Journal ha inoltre riportato che un gruppo di procuratori federali statunitensi sta indagando sulle accuse secondo cui Huawei avrebbe rubato segreti commerciali allo Zio Sam. Una storia già nota, che, con cadenza regolare, torna ad affossare il settore tecnologico. Huawei è infatti al centro di una vicenda internazionale che coinvolge Stati Uniti, Canada e Cina, scoppiata appena dopo l'arresto del direttore finanziario del gruppo, Meng Wanzhou (accusata di aver violato le sanzioni americane all'Iran, e proseguita la scorsa settimana con l'arresto del dipendente cinese di Huawei in Polonia (accusato di spionaggio contro il governo).

Washington-Pechino: uno scontro senza soluzione

Dopo un provvisorio ottimismo legato ai presunti passi avanti fatti a livello di colloqui commerciali Washington-Pechino, la realtà dimostra che difficilmente (e a prescindere da ciò che farà) la Cina riuscirà a scrollarsi di dosso le accuse di un’America determinata ad attestarsi come prima potenza tecnologica mondiale.

Di certo, le continue ritorsioni americane nei confronti del rivale ad oriente stanno affossando non solo le azioni del comparto tech, ma tutte quelle attività cross border che risentono delle tensioni paese su pasese, a partire dal comparto auto.

Apple taglia le assunzioni: pesa il calo smartphone in Cina

In una giornata di per sé impegnativa per la tecnologia, ad appesantire gli animi è l’annuncio di un taglio delle assunzioni previste da Apple a partire dal primo trimestre fiscale 2019. Nell’ultimo anno fiscale, Apple ha assunto 9000 persone in più rispetto alle attese, per un totale di circa 132.000 dipendenti. L’anno precedente erano state 7000.

Il blocco delle assunzioni reso noto oggi non dovrebbe riguardare i nuovi ingressi previsti ad Austin, (Texas) e nella zona di Los Angeles, tra i poli più attivi del gruppo di Cupertino. L’annuncio segue il warning di fine dicembre, quando Apple ha rivisto le proprie previsioni di vendita (e produzione) di iPhone legate al calo della domanda di smartphone in Cina. Le stime riviste di fatturato per il primo trimestre fiscale 2019 prevedono ricavi a circa 84 miliardi di dollari (contro gli 89-92 inizialmente previsti).

Fatto da parte il business dei melafonini, le altre categorie di attività (Mac, iPad, tecnologia indossabile/domotica/accessori e servizi) hanno registrato nel complesso una crescita anno su anno del 19%.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.