Giornata no per l'automotive. Brembo a capo dei ribassi

Lusso al centro delle vendite, ma non solo: in profondo ribasso anche il comparto dell'auto italiano ed europeo. In rosso Ferrari, Fiat Chrysler, Sogefi, CNH Industrial ed Exor, suguite da Volkswagen, Daimler e BMW.

settore auto

Non solo settore del lusso al centro delle vendite: l’incertezza legata alla tenuta del mercato italiano, assieme ai timori di un rallentamento della crescita economica globale e al potenziale calo della produttività cinese hanno spinto a ribasso il comparto dell’automotive. A capo dell’accelerata a ribasso a Piazza Affari, Brembo ha registrato perdite che hanno sfiorato il 5%. Male anche Ferrari NV, Fiat Chrysler , Sogefi, CNH Industrial ed Exor, che passano di mano registrando perdite tra l'1 e il 3 per cento; negativo, inoltre, l'indice FTSE Italia All-Share Automobiles & Parts, tornato sul minimo di inizio settembre con oltre due punti di flessione.

L’andamento non soddisfacente del settore auto italiano si allinea a quello europeo, con le eccellenze tedesche Volkswagen, Daimler e BMW che lasciano oggi sul terreno oltre il punto percentuale.

Tra i casi di giornata, Fiat Chrysler Automobiles ha scontato negativamente le anticipazioni sulla vendita di Magneti Marelli, che dovrebbe aver luogo entro la fine del mese. L’acquirente è il fondo di private equity, Kkr: la valutazione si attesta attorno ad un enterprise value di 5,5 mld di euro, una via di mezzo tra le cifre anticipate dal mercato di 5 e 6 miliardi.

A livello settoriale, i ministri europei sono giunti oggi ad un accordo sul taglio delle emissioni di CO2 entro 2030. La riduzione sarà nell’ordine del 35%. Anche la Germania, primo produttore auto d'Europa, ha deciso all’ultimo di votare per il testo preparato dalla presidenza austriaca della Ue. Ora si attende l’avvio del negoziato con i deputati europei, denominato 'trilogo' perché partecipa anche la Commissione.

Nel limbo dell’Unione, il settore automobilistico britannico si sta invece preparando ad una no-deal dalla Brexit, con singole aziende del settore (tra cui Society of Motor Manufacturers and Traders (SMMT) che stanno lanciando nuovi programmi d’informativa ed assistenza alla clientela.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.