Giornata no per Apple e tech. Il titolo teme il calo di iPhone

Inizio settimana a ribasso per il gruppo di Cupertino, che perde a Wall Street il 5%. Male tutto il comparto tech, a partire da Amazon, Netflix e Microsoft. Pesano i timori sulla manovra italiana, le difficoltà per la Brexit e le attese di una stretta monetaria Usa.

Apple
Fonte Bloomberg

Giornata no per il settore tecnologico che, in giro per il mondo, registra cali consistenti. La maglia nera d'inizio settimana spetta però alla società dalla mela morsicata, che ha scontato il taglio netto degli ordini da uno dei suoi principali fornitori.

A pesare sul comparto, però, è anzitutto la fragilità del sentiment di mercato, tra i timori legati alla crisi sulla manovra italiana, le difficoltà sull’accordo per la Brexit e le attese di un’eccessiva stretta monetaria americana.

Apple: nuove vendite sul titolo. Calano gli ordini

Ulteriore giornata negativa per il titolo Apple che, nel suo terzo giorno di ribasso consecutivo, ha aperto la settimana sul listino statunitense con un rosso superiore al 5%. Bucato a ribasso il supporto a 200 dollari per azione, il titolo è scivolato al di sotto della soglia dei 196 dollari, pari al 50% del ritracciamento di Fibonacci, rilevato sul movimento rialzista in atto da fine aprile.

Il produttore di sensori laser, Lamuntun Holdings, ha comunicato oggi che “uno dei suoi maggiori clienti di diodi laser per il rilevamento della tecnologia 3D ha disposto un taglio degli ordini” durante il trimestre fiscale che si conclude a dicembre. Secondo gli analisti, l’azienda in questione sarebbe proprio Apple.

Parallelamente, anche lo screen maker Japan Display Inc ha abbassato le proprie prospettive di crescita per l'anno in corso, a causa di una domanda più debole da parte dei principali produttori di smartphone.

Nell’ultimo rapporto annuale per l'anno 2018, Lumentum annoverava la società di Cupertino tra i maggiori clienti all’attivo, con il 30% delle entrate, seguito da Huawei e Ciena Corp, entrambi all'11%.

A Wall Street, Lumentum è oggi in calo di oltre il 30%; male anche le azioni di altri fornitori di iPhone, tra cui il chipmaker Cirrus Logic Inc, Qorvo Inc e Skyworks Solutions Inc, scesi tra il 3% e il 10%.

JP Morgan: taglio del target price di Apple

Negativo, infine, il giudizio di JP Morgan sulla compagnia guidata da Tim Cook: la banca americana ha infatti tagliato da 270 a 266 dollari il target price sul colosso tech, in scia alla riduzione delle stime sulla redditività dei prossimi trimestri; gli esperti hanno però confermato il giudizio “Overweight” (sovrappesare).

Tra gli altri tecnlogici, a pesare sul listimo americano anche Amazon, che cede oltre il 4%, Netflix, parimenti a ribasso, Microsoft, a ribasso del 3% circa ed Alphabet in flessione del 3,3%.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.