FTSE Mib, migliori e peggiori: il top player dei titoli italiani 2018

Brindisi in rosso per Davide Campari, in un anno dal colore verde a Piazza Affari. Le azioni del gruppo Campari hanno infatti registrato la migliore performance a 12 mesi e su base ytd - year to date. Target pice di Deutsche Bank a 9 euro per azione, giudizio buy.

Ftse Mib Italia
Fonte: Bloomberg

Campari brinda al Natale 2018, un anno che, seppur non ancora concluso, si porta dietro alcuni successi. Un esempio? Essere il primo titolo del listino italiano in termini di performance annuale ed ytd.

Con un rialzo a 365 giorni in area +19%, la celebre società dell’aperitivo ha saputo tenere il passo con un mercato 2018 in cui le incognite non sono mancate.

L’anno di Davide Campari, a dispetto dello slogan, si è aperto all’insegna del colore verde, con risultati 2017 positivi e sopra le attese. La crescita, che ha più che compensato gli investimenti in attività di brand building e in investimenti per il potenzialmento della rete distributiva, ha portato ad un incremento della marginalità operativa sulle vendite. Contestualmente, il gruppo ha parlato di prospettive positive per l'anno prossimo grazie alla sovra performance delle marche a priorità globale (o regionale) e nonostante l'effetto cambio.

Con un incremento annuo delle vendite nette 2017 pari al 5,2%, spinto dal marchio Aperol, l’azienda guidata da Bob Kunze-Concewitz ha alzato del 10% il dividendo 2018, a 0,05 euro (+11,1%).

Archiviato, come da attese, un primo trimestre debole, in scia alla discesa dei mercati Emergenti e al rinvio di importanti ordini, il gruppo di superalcolici ha però confermato l'espansione della propria marginalità lorda, nonostante l'impatto negativo dato dall'aumento del prezzo dell'agave e al netto di investimenti pubblicitari.

A partire da maggio fino alla seconda metà di agosto (mese in cui la società ha registrato un +35,5% degli utili semestrali rispetto all’anno precedente), il titolo Campari ha sovra performato il marcato con un rialzo del +27%.

Ad attirare l’attenzione nel mese di ottobre è stato invece l’annuncio della sbarco di Campari in Cina: l’azienda italiana è infatti approdata sul mercato del Dragone tramite Tmall, marketplace a firma Alibaba. Secondo Campari, la diffusione della “cultura del bere” in Cina, legata all'aumento del ceto medio e alla capacità di spesa dei Millennials (nonché al taglio dei dazi d'importazione sugli alcolici al 5%) offrono le basi per nuove, future, opportunità di espansione.

Gli acquisti sul titolo Campari sono dunque proseguiti a novembre, con dati relativi al terzo trimestre 2018 superiori alle attese: l’Ebitda adjusted al nono mese dell’anno è cresciuta a 111,9 milioni, segnando un rialzo del 4%.

Oggi, con un prezzo che si aggira poco sotto l’area dei 7,7 euro per azione, le attese future per l'azienda leader dell'aperitivo paiono positive. In tal senso si è espressa Deutsche Bank, i cui analisti hanno assegnato una raccomandazione buy, con un target price di 9 euro per azione. A monte della positiva analisi condotta da DB, le diverse opportunità che Campari avrebbe di porre in essere consistenti operazioni di M&A (principalmente focalizzate negli Stati Uniti); dall’acquisizione di Grand Marnier sono infatti passati già quasi tre anni.

Secondo attese preliminari, la variazione dei margini (Ebit) per l’anno 2019 dovrebbe registrare una accelerata superiore al +9%. La crescita del dell'utile per azione (eps) nel medio termine è stato invece rivisto in aumento a +13%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.