Focus titoli tech: Facebook down. Spotify denuncia Apple: minaccia la concorrenza

Azioni Facebook in calo. Autorità Usa riaprono dossier su vendita dati degli utenti. Tra gli acquirenti Amazon, Apple, Microsoft. reclamo di Spotify contro Apple: approccio anticoncorrenziale nella gestione dell'App. Store.

Fonte: Bloomberg

Giornata contrastata a Wall Street, in attesa di ulteriori novità sul capitolo guerra commerciale e alla luce dei recenti dati macro, che hanno evidenziato un calo della produttività, nonché un rallentamento del settore immobiale. Mentre l'attesa si sposta al prossimo 20 marzo, quando la Federal Reserve potrebbe lanciare nuovi input, a muovere i merci sono ancora una volta i titoli del settore tecnologico e le loro dinamiche di fondo.

Azioni Facebook: dossier dati e Instagram down

Facebook in calo in apertura a Wall Street, dopo che i pubblici ministeri statunitensi hanno riaperto le indagini circa lo scambio e la vendita di dati di centinaia di milioni di utenti iscritti al gigante dei social. Tra i nomi degli acquirenti, un elenco di oltre 150 nomi, spiccano i colossi Amazon, Apple e Microsoft. Ad aggravare la performance del titolo si è aggiunta l’interruzione di Facebook ed Instagram di mercoledì, che ha bloccato le applicazioni nelle mani di Mark Zuckerberg per oltre 12 ore, uno dei peggiori down della storia social. Le azioni del gruppo si muovono oggi in territorio negativo tra l'1,5 e l’1,8%, a ridosso dei 170 dollari.

Facebook presenterà i propri risultati trimestrali il prossimo 23 aprile.

Spotify denuncia Apple: minaccia alla concorrenza

Tra le altre storie tech di giornata in chiave americana, i dissapori tra la big della musica Spotify ed il gruppo di Cupertino. Spotify ha presentato un reclamo contro Apple per l’approccio anticoncorrenziale adottato dal colosso degli smartphone nella gestione de proprio App Store. I problemi evidenziati dall’app. dello streaming sarebbero due: anzitutto, Spotify sarebbe costretto ad utilizzare il solo meccanismo di pagamento di Apple per gli utenti aventi un iPhone; in secondo luogo, ha spiegato l’Amministratore delegato del gruppo, Daniel Ek, “Apple pretende che Spotify e altri servizi digital paghino una commissione del 30% sugli acquisti fatti attraverso il suo sistema di pagamento, incluso il passaggio dalla versione free al servizio Premium. Se pagassimo questa tassa, saremmo costretti a far salire il prezzo del nostro servizio” ha sottolineato Ek “portandolo a diventare più alto del prezzo di Apple Music. Se, in alternativa, scegliessimo di non utilizzare il sistema di pagamento Apple (evitando quindi la tassa) Apple applica una serie di restrizioni tecniche”. Tra queste, ha precisato l’Ad “la possibilità di interagire con i nostri clienti”.

La mediazione di Cupertino farebbe infatti sì che Spotify non possa mandare email ai propri clienti che usano Apple. Al momento, Spotify ha sospeso la possibilità di iscriversi al servizio Premium per i clienti che si appoggiano a iOS.

Azioni Apple in ripresa: titoli con "rendita vitalizia"

Le azioni di Apple hanno registrato un movimento dell'1,2% dopo che Cowen ha valutato conferito ad Apple un rating outperform, con obiettivo di prezzo a $220 in 12 mesi. Secondo il gruppo, il business dell'iPhone rimane un forte driver per il titolo e offre agli investitori una "rendita vitalizia". Apple ha in parte recuperato le proprie perdite del 2018, con il titolo che ha rimbalzato oltre il 15% da inizio anno. Le azioni di Apple risultano oggi in crescita di quasi un punto percentuale, poco sotto i 185 dollari.

Apple presenterà i propri risultati trimestrali il prossimo 29 aprile.

Azioni General Electric in ripresa. Incognita guerra commerciale

Tra le storie di giornata a stelle e strisce, General Electric ha recuperato terreno a New York dopo essere scivolata bruscamente in scia alla comunicazione fatta agli azionisti. Per il 2019 il gruppo si aspetta profitti inferiori alle attese degli analisti, in parte alla luce dei problemi legati alle tensioni commerciali. GE prevede utili rettificati per l’anno in corso compresi tra $0,50 e $0,60 per azione, meno delle previsioni di $0,70. Sul titolo ha pesato anche l’annuncio di una possibile dilazione dei termini per la firma di un accordo di intesa che ponga fine alle tensioni tra Washington e Pechino. Le questioni in gioco, secondo fonti interne, sarebbero troppo importanti per far sì che una decisione a proposito venga presa in tempi brevi. Il titolo GE quota oggi in area positiva, con tre punti percentuali di rialzo, sopra i 10 dollari per azione.

General Electric presenterà i propri risultati trimestrali il prossimo 18 aprile.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.