Ferragamo, peggior titolo a Piazza Affari. Deutsche Bank abbassa il target price

A pesare negativamente sulle azioni della casa di moda il taglio del giudizio di Kepler Cheuvreux dopo l'annuncio a sorpresa dell'uscita del Cfo, Ugo Giorcelli, ed il taglio del prezzo obiettivo degli analisti di Deutsche Bank, in attesa di vedere come si muoverà la domanda cinese per il lusso nel 2019.

Luxury
Fonte: Bloomberg

Salvatore Ferragamo peggior titolo di giornata a Piazza Affari, con ribassi superiori al 5%. Dopo aver bucato ieri a ribasso la soglia dei 20 euro per azione, la casa del lusso ha raggiunto oggi quota €18,50, verso il supporto in area €18,00. Rispetto ai massimi di giugno 2018 (a ridosso dei €25,50), la quotazione si è lasciata indietro oltre il 26%.

A pesare negativamente sulla società modaiola è stato nelle scorse ore il downgrade da parte di Kepler Cheuvreux, che ha abbassato il merito del gruppo all'indomani dell'annuncio a sorpresa dell'uscita del direttore finanziario.

Ferragamo ha reso nota ieri l’uscita dal gruppo a partire dall'11 gennaio del Cfo, Ugo Giorcelli, "per un nuovo percorso di crescita professionale". Giorcelli, entrato in Ferragamo nel marzo 2017, era stato chiamato dalla casa di lusso dall'ex Ceo, Eraldo Poletto, dopo aver ricoperto per dieci anni la posizione di Cfo in Amplifon.

Non migliore, l’opinione degli analisti di Deutsche Bank, che in un report pubblicato oggi hanno abbassato il target price del titolo a 23 euro per azione, dai precedenti €24,8 euro. Alla base del ribasso, un quadro d’insieme del settore lusso su scala globale che merita cautela e che resta in attesa di vedere come si muoverà la domanda cinese nel campo della moda nel 2019.

"Mentre le prospettive di lungo periodo per il settore restano attraenti” hanno argomentato da DB, “restiamo cauti alla luce della considerevole incertezza macroeconomica”.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.