Fca tra i titoli migliori a Piazza Affari. Possibile accordo USA su emissioni diesel

Fiat-Chrysler verso l'accordo col Dipartimento di Giustizia Usa sull'accusa di aver sfruttato un software per mascherare le emissioni di 104 mila auto diesel. Azioni Fca positive sull'indice FTSE Mib.

Fca
Fonte: Bloomberg

Fca tra i migliori titoli del listino italiano, dopo l’annuncio del possibile accordo con gli Stati Uniti sui limiti alle emissioni diesel. Secondo quanto trapelato nelle scorse ore, la società italo-americana sarebbe vicina a raggiungere una intesa sulle accuse avanzate dal Dipartimento di Giustizia Usa, che ha puntato il dito contro la casa automobilistica: Fca avrebbe utilizzato un software illegale per consentire a 104.000 veicoli diesel venduti a partire dal 2014 di superare i limiti di emissioni statunitensi.

Dalla fine della prima settimana di gennaio, grazie anche alla possibile distensione della guerra sui dazi posta in essere dagli Stati Uniti, il titolo ha inanellato una serie chiusure positive con una performance prossima al +10%. Le azioni hanno bucato in mattinata la soglia dei 13,50 euro, raggiungendo quota €13,85. Lo step successivo è rappresentato dai 14 euro.

L'intesa, che potrebbe essere raggiunta questa stessa settimana, dovrebbe prevedere alcune contravvenzioni civili d’importo significativo, nonché accantonamenti da parte del gruppo finalizzate a compensare l'eccesso di emissioni delle auto diesel. Per coprire eventuali esborsi legati alla vicenda, Fiat Chrysler ha iniziato ad accantonare, a partire dallo scorso ottobre, una cifra pari a 713 milioni di euro.

Fca, che al momento non ha ancora commentato l’indiscrezione, ha finora sostenuto di non aver commesso alcun tipo di illecito, aggiungendo che la società non ha mai lavorato ad un software volto ad arginare le regole sulle emissioni e a truccarne l’effettivo peso.

Secondo fonti interne, il Dipartimento di Giustizia a stelle e strisce avrebbe già fissato il target delle multe da comminare a Fca su livelli “sostanziali".

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.