Fca-Renault: spinta sui titoli dopo la proposta di fusione 50/50

Fiat Chrysler presenta proposta di fusione a Renault tramite scambio azionario equo del 50%. Verso un maxi gruppo del settore auto? Tripla quotazione e sinergie di produzione. Problema: partecipazione dello Stato in Renault.

Renault fusione con Fca Fonte: Bloomberg

Apertura a ridosso della soglia dei 13,50 euro per azione, due euro sopra al prezzo di chiusura di venerdì, con un ribilanciamento successivo attorno ai 12,50 euro: Fiat Chrysler ha svelato questa mattina le proprie carte, presentando al gruppo francese Renault la proposta di fusione tramite un equo scambio azionario. L’operazione, che è stata accolta con positività dalla società parigina (col titolo oggi in salita del 12,7%), porterà alla formazione del terzo maggior player automobilistico al mondo. Resta di base una questione irrisolta: la soglia di partecipazione del 15% dello Stato francese nel capitale del Gruppo Renault.

Fca: proposta di fusione da 8,7 milioni di veicoli

La proposta di Fca, presentata ufficialmente stamattina, si è conclusa nella notte dopo lunghe trattative. L’unione della casa italo-americana col gruppo francese riguarderà 8,7 milioni di veicoli (venduti ogni anno) e oltre 5 miliardi di euro di sinergie annuali, con una forte presenza sui mercati locali ed internazionali, nonché con maggiori possibilità di penetrare diversi segmenti e di coprire una più ampio ventaglio di domanda.

Il nuovo gruppo sarà detenuto al 50% dagli azionisti di Fca e al 50% dagli azionisti del Gruppo Renault, si fonderà sotto una capogruppo olandese e sarà quotato a Piazza Affari, a Parigi (Euronext) e a Wall Street (New York Stock Exchange).

Fca-Renault tripla quotazione: Questione dividendi

Per compensare il divario dei valori di borsa dei due competitors, prima della fusione i detentori di quote in Fca dovrebbero ricevere un dividendo straordinario da 2,5 miliardi di euro complessivi ed una parte di azioni in Comau (ammesso che spin-off di quest'ultima venga portato a termine; in caso contrario, agli stessi sarà elargita un’ulteriore cedola da 250 milioni di euro. Comau, multinazionale italiana della robotica e dell’automazione, è una sussidiaria di Fca una con sede a Torino.

Il gruppo italo-americano ha inoltre precisato che "i benefici da fusione non si sostanzieranno nella chiusura di stabilimenti, ma porteranno ad investimenti più efficienti in termini di utilizzo del capitale”, da impiegare nello sviluppo di “piattaforme globali, architetture, sistemi di propulsione e nuove tecnologie".

Fusione Fca-Renault: focus partecipazione statale

In attesa di conoscere quali passaggi verranno seguiti nel breve termine per portare a termine il progetto di fusione, il governo italiano ha espresso i propri dubbi circa la quota partecipativa del 15% che attualmente la Francia detiene nel gruppo Renault. La presenza statale nella casa d’auto sarebbe, a detta della maggioranza di governo, “anomala”, e potrebbe spingere l’Italia a chiedere che venga rispettata una simmetria delle posizioni.

Azioni Fca-Azioni Renault: la reazione di Borsa

Dopo un massimo di giornata in crescita del 17% (sopra i 13,50 euro per azione), il titolo Fiat Chrysler Automobiles si è riportato a ridosso dei12,50. Tale livello risulta inferiore sia alle valutazioni medie degli operatori censiti da Reuters, a 15,15 euro per azione, sia al valore mediano, a 14,85 euro. Sebbene il grosso delle raccomandazioni continui ad indicare un giudizio di hold, mantenere, sul finire della scorsa settimana gli esperti Alphavalue hanno espresso un prezzo obiettivo a 14,10 euro, inferiore al target fissato a metà mese da Equita Sim a 15,80 euro (+38% sui valori correnti).

Dall’opinione degli esperti su Reuters, il titolo Renault, ora poco al di sopra dei 57 euro per azione, si presenta come sottovalutato. Gli operatori hanno indicato per la casa francese un prezzo target a 74 euro per azione, con un valore mediano di 71 euro.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.