FCA, titolo sprofonda nel suo giorno più triste

Il mercato non ha apprezzato il profit warning e i dati deboli nel giorno della scomparsa di Marchionne.

bg_maserati_1387145
Fonte: Bloomberg

Crolla di oltre 15 punti percentuali il titolo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) nel suo giorno più triste. La tragica scomparsa dell'ex Ceo, Sergio Marchionne, è coinciso con l'annuncio della trimestrale, l'ultima sotto la sua guida prima della sua sostituzione di sabato scorso. Gli investitori non hanno di sicuro apprezzato la revisione dei target sull'anno, che hanno visto un abbassamento dei ricavi attesi tra 115-118 miliardi di euro, contro i 125 miliardi stimati in precedenza. Medesime revisioni hanno interessato anche l'EBIT adjusted (7,5-8 miliardi contro 8,7 miliardi di euro) e la liquidità (abbassata a 3  miliardi dai 4 previsti). E' stata confermata la guidance sui profitti netti, attesi a 5 miliardi di euro. Oltre al tema dazi, preoccupa anche la situazione in Cina, dove le vendite dei marchi ad alta marginalità hanno sofferto negli ultimi tre mesi.

La decisione di FCA di rivedere l'outlook non è destinata a rimanere isolata. A confermarlo è l'annuncio di General Motors, che proprio oggi ha rivisto i target sul 2018 in scia all'incertezza dazi che ha aumentato i costi di alluminio e acciaio.

Gli investitori non sembrano essere stati entusiasti neanche dei conti al 30 giugno. Sebbene i ricavi abbiano battuto le attese, l'EBIT adjusted e l'utile netto sono risultati sotto le attese e in calo inaspettato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il titolo in borsa è sceso fino ai minimi dall'1 dicembre 2017, testando il supporto a 14 euro, con volumi massicci (sono passati di mano quasi 50 milioni di pezzi). Al di là del tonfo odierno, il mercato rimane in attesa di capire quanto sia stata prudente la scelta di rivedere l'outlook. Probabilmente la risposta dipenderà dall'evoluzione del tema dazi, che proprio oggi vivrà una tappa importante in vista dell'incontro tra Trump e Juncker.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.