Eni spinta a rialzo dall'utile. Ma il titolo sconta il calo del petrolio

Utile netto aggiustato a 1,39 miliardi di euro, ben al di sopra del miliardo di euro atteso dagli analisti. Contributo diretto alla performance positiva è giunto dal rialzo del prezzo del petrolio (e dalla divisione Exploration & Production).

Pipeline
Fonte Bloomberg

Cresce il prezzo del petrolio e, con questo, sale l’utile di Eni, che nel terzo trimestre ha mostrato risultati positivi e sopra le attese. La notizia, accolta bene dal mercato, si è da subito riverberata sul titolo, che in apertura del listino ha segnato un +1%. La quotazione ha poi svoltato in area negativa, dietro al peso di un indice FTSE Mib in perdita dell'1,5% ed un andamento avverso del greggio, che in mattinata ha lasciato sul terreno oltre il punto percentuale.

Eni: utile a 1,39 miliardi. La cassa operativa genera il 90% in più

Eni ha chiuso il terzo trimestre con un utile aggiustato (al netto delle componenti straordinarie) a 1,39 miliardi di euro, ben al di sopra del miliardo di euro atteso dagli analisti. In crescita anche l'utile operativo, più che triplicato rispetto al medesimo periodo dello scorso anno, a 3,3 miliardi.

Il mercato ha anzitutto apprezzato il consolidamento dell'attività della divisione Exploration & Production, rafforzatasi grazie al miglioramento dello scenario petrolifero nel suo insieme. Le buone performance societarie, infatti, sono state trainate principalmente dall’andamento rialzista del barile, che ha accelerato a partire dalla metà di agosto.

Dopo esaltanti mesi di performance positiva, sul greggio pesano però ora i timori di un possibile calo della domanda. Questo, nonostante le sanzioni americane contro l'Iran che entreranno in vigore il prossimo 4 novembre. I livelli di output complessivi rimangono infatti abbondanti, dato emerso anche dalle scorte diffuse dall'American Petroleum Institute.

Secondo la nota d’aggiornamento pubblicata da Eni, la generazione di cassa operativa nel terzo trimestre ha registrato un incremento del 90% rispetto al dato presentato nello stesso periodo lo scorso esercizio (a quota 4,1 miliardi). L'indebitamento finanziario netto è risultato invece pari a 9 miliardi, in calo di 1,91 miliardi rispetto a dicembre 2017. Il miglioramento del debito netto si lega anzitutto alla forte generazione di cassa definita “eccellente” dallo stesso AD del gruppo, Claudio Descalzi.

Crescita idrocarburi: Eni taglia le stime annue dal 4% al 3%

Relativamente alla produzione di idrocarburi, nonostante il saldo positivo, la crescita del business è stata "frenata dai minori volumi di gas prodotti rispetto alle attese, a causa di eventi esogeni in alcuni paesi". A somme fatte e in conseguenza ad uno scenario di budget da 60 dollari al barile, Eni si attende una crescita della produzione petrolifera annuale prossima al 3% rispetto al 2017, "comprensiva dell'impatto negativo sulla produzione di gas di fattori esogeni in alcuni paesi con limitati impatti sulla generazione di cassa", sottolinea la nota. Nel trimestre precedente la stima di crescita annuale nella produzione di idrocarburi si attestava al 4%, stima che già da settimane si sapeva sarebbe stata rivista.

Relativamente agli ultimi due segmenti Gas & Power e Refining & Marketing, nel terzo trimestre il comparto G&P è risultato più debole a causa della stagionalità; l'utile operativo adjusted si è infatti portato a 71 milioni di euro, rispetto alla perdita di 193 milioni del terzo trimestre 2017. Male anche la divisione R&M, il cui utile operativo è calato del 38% (a 0,14 miliardi) a causa dell’andamento sfavorevole nel comparto raffinazione.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.