Daimler: primo taglio di dividendo in nove anni. Tensioni commerciali e calo di domanda affossano i profitti

Titolo Daimler in calo del 2% a Francoforte dopo la presentazione dei risultati. Per il 2019 previsto un leggero aumento degli utili. Cala la redditività di Mercedes-Benz. Pesa la necessità di maggiori investimenti in tecnologia.

Mercedes-Benz Fonte: Bloomberg

Torna l’allarme Germania, direttamente dal suo settore di punta: quello dell’auto. A riaccendere i riflettori sul rallentamento della locomotrice d’Europa, questa volta, è stata una delle aziende più note della regione, che ha reso note le previsioni per l’anno 2019, prevedendo un esercizio ancora complicato dopo il netto calo di profitti registrato nel 2018.

Il titolo Daimler ha aperto le contrattazioni a Francoforte martedì in calo del 2%, dopo aver registrato una buona performance a partire da inizio anno, guadagnando poco meno del 20%. Nel corso del 2018, le azioni del gruppo hanno tuttavia scontato pesantemente la negatività del comparto sui mercati, con una variazione complessiva nell'ordine del -40%.

Daimler: pesano tensioni commerciali e rallentamento della domanda

Daimler ha utilizzato toni cauti in sede di presentazione dei propri risultati annuali, prevedendo un leggero aumento degli utili dopo le delusioni del 2018. Il produttore di auto di lusso ha dovuto combattere con le crescenti tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, il rallentamento strutturale della domanda di auto in Europa e Nord America e la necessità di incrementare i propri investimenti per sviluppare veicoli elettrici, scongiurando l’esclusione dal mercato.

I ricavi e gli utili del gruppo prima del calcolo di tasse ed interessi "saliranno leggermente" quest'anno, ha confermato in mattinata il produttore tedesco nella conferenza stampa annuale. Per la prima volta in nove anni, Daimler ha però dovuto tagliare il dividendo dell’11%, a 3,25 euro per azione. L’ultimo ridimensionamento della cedola, nel 2010, è avvenuto all'indomani della crisi finanziaria globale.

Settore auto: pesano gli investimenti. Nuove sfide nella tecnologia

I guadagni del gruppo sono scesi in tutte le divisioni durante il 2018, con la sola eccezione della divisione dei camion pesanti. La redditività del marchio di punta, Mercedes-Benz Cars, è calata al 7,8% rispetto al 9,4% di un anno fa, specchio delle sfide che si legano ai principali cambiamenti tecnologici, alla necessità di maggiori investimenti in tecnologia, agli scontri commerciali internazionali e all’instabilità degli sviluppi politici ed economici.

"Per Daimler, il 2018 è stato un anno di forti venti contrari" ha commentato l'amministratore delegato, Dieter Zetsche, il quale ha quindi aggiunto: "Lo scenario di riferimento rimarrà estremamente complicato anche nel 2019."

Le pressioni su più fronti hanno portato il gruppo a lanciare l'anno scorso due profit warning, citando tra le cause le tariffe addizionali imposte dagli Stati Uniti ai SUV fabbricati in Alabama. Da contro, le consegne di autocarri pesanti Freightliner nel Nord America sono aumentate.

Daimler, che per il 2019 prevede un margine di profitto tra il 6% e l’8% per le vetture Mercedes-Benz (al di sotto del livello obiettivo che, al 2021, mira a tornare nel range di 8-10%), è stata la prima casa automobilistica europea ad aver reso noti i propri risultati del quarto trimestre e a porre le basi per quello che potrebbe profilarsi come l’ennesimo anno difficile.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.