Paolo Rocca (Ceo Tenaris) accusato di corruzione in Argentina. Sostegno dal Cda

Azioni Tenaris in calo del 7% a Piazza Affari. Pesano le accuse di corruzzione del Ceo, Paolo Rocca. Il titolo ha perso il 28% da inizio ottobre, scontanto il calo dei prezzi del petrolio. Il Cda dell'azienda di tubi e servizi per l'esplorazione conferma il proprio sostegno all'amministratore delegato.

Pipe
Fonte Bloomberg

Un meno 7 per cento che pesa in modo consistente sul listino di Piazza Affari: per Tenaris è un mercoledì nero quello odierno, dopo l’accusa formale ricaduta sulle spalle dell’attuale Ceo di Techint, controllante di Tenaris e Ternium, Paolo Rocca, nell'ambito di un'indagine per corruzione in Argentina

A renderlo noto è stata la stessa società in una nota pubblicata stamane, dopo che ieri i titoli del gruppo hanno perso rispettivamente il 10 ed il 4 per cento sulla piazza di Buenos Aires.

Rocca sarebbe coinvolto nel caso “notebooks”, in riferimento ad alcune presunte tangenti versate da imprenditori locali per assicurarsi contratti dall'amministrazione dell'ex presidente, Cristina Fernandez. Lo scandalo di corruzione avrebbe coinvolto decine di imprenditori e politici.

"Non sono coinvolto nei pagamenti né li ho autorizzati né ne ero a conoscenza", ha controbattuto il Ceo di Tenaris all’agenzia argentina, Perfil.

Secondo i media argentini, tuttavia, le autorità avrebbero già congelato beni di Rocca per 4 miliardi di pesos.

Un trimestre no per il titolo Tenaris

Mentre le azioni di Tenaris scontano la notizia con cali nell'ordine del 7%, il Cda dell’azienda sta monitorando la situazione, confermando il proprio pieno sostegno a Rocca. Da inizio ottobre il titolo del gruppo produttore di tubi e servizi per la raffinazione ha perso sul listino di Milano il 28% circa, a causa del calo dei prezzi del petrolio e di un minor interesse dell'industria alla produzione.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.