Bayer tra i peggiori a Francoforte. Sul titolo pesa l'ammenda a Monsanto

In una giornata negativa per l'indice tedesco Dax, in calo di oltre due punti percentuali, il titolo farmaceutico ha toccato in mattinata la soglia dei 70 euro per azione, sui livelli di metà settembre, ai minimi da settembre 2013.

Bayer
Fonte Bloomberg

Bayer cade rovinosamente a Francoforte, perdendo oltre sette punti percentuali. A pesare sul titolo è stata la conferma di colpevolezza di Monsanto, che dovrà versare un risarcimento da 78 milioni di dollari al giardiniere ammalatosi di tumore dopo l'uso di erbicidi Roundup e Ranger Pro, contenenti glifosato.

Monsanto, azienda multinazionale di biotecnologie agrarie, è passata sotto il controllo della multinazionale Bayer lo scorso agosto.

Monsanto (Bayer): risarcimento da $78 milioni. Erbicidi sotto accusa

La notizia è giunta ieri dalla California: il giudice della Corte Superiore di San Francisco, Suzanne Ramos Bolanos, ha respinto le argomentazioni di Bayer secondo cui la giuria non avrebbe avuto alcuna base per concludere che il diserbante col quale è entrato in contatto il 46enne americano, Dewayne Johnson, fosse diretta causa del cancro che ha colpito quest’ultimo.

Il giudice ha però disposto una riduzione di risarcimenti danni, passati da 289 a 78 milioni di dollari.

Per Bayer, la sentenza non è certo una buona notizia: dal punto di vista di Bayer, infatti, la più grande preoccupazione è che vi siano ora abbastanza prove scientifiche per supportare la fondatezza del caso del querelante.

Sebbene la vicenda non crei un precedente legale per le migliaia di cause legali in corso in tutti gli Stati Uniti, la decisione del giudice californiano incoraggerà a portare avanti azioni legali contro la società.

In una giornata negativa per l'indice tedesco Dax, in calo di oltre due punti percentuali, il titolo è tornato in mattinata in area 70 euro per azione, sui livelli di metà settembre, ai minimi da settembre 2013.

Bayer prevede di appellarsi alla sentenza.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.