Acquisto Ramsey ed emissione bond da 150 milioni spingono il titolo Juventus a Piazza Affari

Il team bianconero ufficializza Aaron Ramsey (luglio 2019). Retribuzione: 7 milioni di euro più bonus. Mercati pronti al lancio del prestito obbligazionario non convertibile a cinque anni da 150 milioni di euro.

Fonte: Bloomberg

Juventus ufficializza l’ingresso di Aaron Ramsey nel team bianconero a partire dal primo luglio 2019 (fino al 30 giugno 2023) e valuta l'emissione di un prestito obbligazionario non convertibile (bond senior unsecured) a tasso fisso, della durata di cinque anni e dell'importo atteso di 150 milioni di euro. Lancio dell'operazione da definirsi.

La società aveva anticipato nelle scorse ore l'intenzione di emettere un prestito (entro il 30/06) avente importo nominale complessivo tra i 100 e 200 milioni di euro. Il collocamento, riservato ai soli investitori qualificati, avrebbe avuto specifica finalità: valutare future opportunità di mercato fornendo al gruppo nuove risorse finanziarie.

A Torino, Aaron Ramsey e bond non convertibile

Alla fine, la conferma dell’acquisto del club bianconero del centrocampista inglese è arrivata, seppur con qualche dubbio circa la retribuzione complessiva del calciatore dell’Arsenal: da un’iniziale stima che vedeva la paga dell'atleta a 24 milioni di euro lordi a stagione (sarebbe stata la più alta retribuzione al mondo per un calciatore britannico), la squadra di Torino ha smentito in serata tali voci, rivelando un compenso da 7 milioni di euro a stagione più bonus.

E’ invece di stamane la notizia dell’amministrazione bianconera che avrebbe valutato l’emissione di un prestito obbligazionario non convertibile, avente lo scopo di dotare la società di risorse finanziarie aggiuntive per la propria attività ordinaria, nonché di ottimizzare la struttura e la scadenza del debito.

Il bond senior unsecured a tasso fisso, della durata di cinque anni e dell'importo da 150 milioni di euro, dovrebbe essere lanciato a breve, secondo fonti Refinitiv Ifr. Lead manager dell'operazione, Morgan Stanley; co-lead manager, Ubi Banca.

Relativamente all’ultimo esercizio 2017-2018, Juventus ha chiuso il proprio bilancio lo scorso giugno con ricavi in calo del 10,3%, una perdita netta da 19,2 milioni ed un indebitamento d’esercizio in crescita del 90% a 309,8 milioni di euro.

Azioni Juventus, nuovi rialzi

La duplice news ha spinto a rialzo le azioni Juventus fin sopra al 3%, dopo una prima giornata di contrattazioni settimanali anch’essa in territorio positivo (a +1,3% sulla vittoria in campionato contro il Sassuolo). Il gruppo quota oggi a ridosso di 1,35 euro per azione, tornato stabilmente al di sopra del livello a 1,30 euro e con primo target, in caso di ulteriori allungamenti, a ridosso di 1,40 euro. A Piazza Affari, Juventus presenta una capitalizzazione di mercato pari a 1,32 miliardi di euro.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.